Home Cronaca Cronaca Ancona

Alluvioni, La Regione Contribuisce al Piano di Gestione del Rischio

0
CONDIVIDI
L'assessore regionale Sciapichetti
L'assessore regionale Sciapichetti
L’assessore regionale Sciapichetti

ANCONA 25 NOV.  La Giunta regionale, su proposta dell’assessore Angelo Sciapichetti, ha approvato il contributo al Piano di gestione del rischio alluvioni dei distretti idrografici Appennino centrale e settentrionale, ai quali appartengono le Marche. Il decreto legislativo 49 del 2010 che recepisce la Direttiva comunitaria 2007/60 relativa alla valutazione e gestione del rischio da alluvioni, stabilisce che entro il prossimo 22 dicembre 2015 tale Piano deve essere approvato.

Nel Piano sono definiti gli obiettivi della gestione del rischio di alluvioni, evidenziando, in particolare, la riduzione delle potenziali conseguenze negative per la salute umana, il territorio, i beni, l’ambiente, il patrimonio culturale e le attività economiche e sociali, attraverso l’attuazione prioritaria di interventi e di azioni per la riduzione della pericolosità. Le Autorità di bacino distrettuali, attraverso le Autorità di bacino nazionali e le Regioni, predispongono i Piani di gestione. Il Piano è composto, come prevede la direttiva, da una parte A che riguarda l’assetto idraulico e da una parte B, più strettamente di protezione civile, che affronta il tema della previsione dell’evento e dell’allertamento e preparazione della popolazione. Per l’elaborazione del contributo della Regione Marche, la parte A -Assetto idraulico – è stata sviluppata dalla Posizione di funzione Difesa del Suolo e Autorità di bacino, mentre il Centro funzionale del Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile ha curato la parte B. “Con l’atto approvato partecipiamo – commenta Sciapichetti – all’applicazione delle direttive europee sulla gestione delle acque e delle alluvioni. Le Marche appartengono a nord, al bacino idrografico del distretto dell’Appennino settentrionale e a sud a quello dell’Appennino centrale. Il coordinamento di questi bacini è svolto rispettivamente dall’Autorità di bacino del fiume Arno e del fiume Tevere. Il dettagliato progetto di piano di gestione riguardante il nostro territorio, che confluirà in quello generale inerente i bacini citati, è stato approvato, pubblicato, sottoposto a consultazione pubblica e fatto oggetto di valutazione ambientale strategica già da un anno. Con gli opportuni affinamenti siamo quindi pronti per la scadenza del 22 dicembre 2015. Si tratta di atti di estrema importanza per pianificare gli interventi prioritari, in considerazione della frequenza con cui si presentano fenomeni meteorologici eccezionali. Ci siamo quindi soffermati sull’esondazione dei fiumi, sulle azioni di protezione idraulica, progettazione che coinvolge le autorità di bacino della nostra regione e le strutture tecniche della Regione Marche, compreso il Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e protezione civile”.

Con lo stesso atto la Giunta ha anche designato il dirigente della Posizione di Funzione Difesa del suolo e autorità di bacino, quale rappresentante regionale nel comitato tecnico dell’Autorità di bacino di rilievo nazionale del fiume Arno, come previsto dal decreto legislativo 219/2010.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here