Home Cronaca Cronaca Macerata

AREA VASTA 3, CRITERI DI RIMBORSO DEI TRASPORTI SANITARI

0
CONDIVIDI
Ambulanza

ambulanzaMACERATA 29 APR. Nel corso dell’ultima seduta della IX legislatura, la giunta regionale ha preso atto di una comunicazione presentata dall’assessore Paola Giorgi in merito alla riconsiderazione dei criteri applicativi di rimborso delle spese effettivamente sostenute  per l’esecuzione di servizi di trasporto sanitario. In una determina dirigenziale infatti si dà atto che tali criteri di rimborso “saranno comunque oggetto di monitoraggio e riconsiderazione alla luce di quando dovesse emergere da ulteriore confronto con associazioni interessate e dalla pratica nella fase di rendicontazione delle spese effettivamente sostenute”. L’assessore Giorgi ha infatti riferito che presso l’ASUR Area Vasta 3 di Macerata si è tenuto un incontro durante il quale sono state portate a conoscenza le modalità della rendicontazione delle spese effettivamente sostenute e fornite direttive per la fatturazione i cui importi sono stati commisurati alle spese storiche relative all’anno 2014 fissandone un tetto massimo di spesa al riguardo. Una formulazione che risulterebbe particolarmente svantaggiosa per le associazioni Cri che svolgono i trasporti sanitari in convenzione o a chiamata. Se adottate, le indicazioni e le direttive impartite dall’ASUR Area Vasta 3 le Associazioni CRI, come del resto le altre Associazioni ANPAS, si troverebbero nel corso di qualche anno in una situazione finanziaria grave non potendo provvedere alla acquisizione di nuovi mezzi (infatti l’ammortamento da contabilizzare sarebbe solo quello del Lessing), oltre ad avere un impatto negativo sui trasporti cheoggi vengono effettuati cosi detti “attività del sociale”. Al Direttore Generale dell’ASUR è stato quindi richiesto dalla giunta regionale di convocare entro la prossima settimana un tavolo di confronto con le Associazioni impegnate sul territorio, iniziando dall’ Area Vasta 3 al fine di ricercare e condividere una equa risoluzione che tenga conto e contempli i costi effettivamente sostenuti dalle Associazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here