Home Sport Sport Ascoli Piceno

Ascoli-Cittadella, Cosmi: La nostra partita peggiore

0
CONDIVIDI
Cosmi

“Delle cinque partite disputate da quando sono arrivato, quella di oggi è stata la peggiore” – ha dichiarato Mister Cosmi al termine del match col Cittadella.

“Quando tanti giocatori non riescono ad esprimersi neanche al 50% vuol dire che la condizione psico-fisica è particolarmente al di sotto delle aspettative e sicuramente al di sotto del livello di un Cittadella che sa mettere in risalto le lacune dell’avversario e che ha interpretato da subito la gara meglio di noi. Abbiamo meritato di perdere, dobbiamo essere onesti, contro un Cittadella che per 95′ ha giocato meglio di noi. Il pareggio sarebbe stato un risultato straordinario per come si erano messe le cose, bastava resistere un po’ di più e avremmo portato a casa un pari d’oro. A posteriori forse ho sottovalutato  il fatto di aver impiegato contemporaneamente tre calciatori che non avevano mai giocato, mi sono preso questo rischio pensando che Monachello era comunque sceso in campo nell’ultimo match di dicembre col Palermo e la sosta di tutte le squadre avrebbe potuto colmare il gap dal punto di vista fisico; Martinho ha accusato crampi negli ultimi 10′ e Ganz fisicamente non poteva tenere tutta la partita. Aggiungo a questo anche il problema al portiere e quindi qualche sostituzione l’ho ritardata. Oggi non eravamo quelli di prima della sosta, che è sempre un punto interrogativo. Sosta che ci ha tolto brillantezza e, contro un avversario così, devi essere al 100%. Abbiamo dimostrato di essere una squadra disattenta nella lettura di alcune situazioni. Trovare oggi un calciatore che abbia giocato sopra la sufficienza è impossibile e contro un Cittadella che gioca a memoria diventa tutto più complicato. Quando perdo contro chi gioca meglio sono deluso, ma lo accetto. Nel secondo tempo ci siamo tirati indietro coi centrocampisti e abbiamo permesso agli avversari di entrare dentro la nostra area, con le mezz’ali non riuscivamo ad incidere e il rammarico è stato non essere passati prima al 3-4-1-2 con due mediani che avrebbero schermato di più il trequartista avversario. Oggi la gara non l’abbiamo persa tatticamente, ma perché il Cittadella è stato più bravo di noi”.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here