Home Sport Sport Ascoli Piceno

Ascoli-Entella, Cosmi: Peccato per non aver vinto

0
CONDIVIDI

E’ stato questo il commento di Mister Cosmi a fine gara dopo ‘1-1 con l’Entella:

“L’Entella è una squadra a mio avviso costruita per fare i play off, sapevo che aveva vinto contro il Bari e che ha una struttura tecnica e fisica tale che è difficile da affrontare. Abbiamo iniziato benissimo la gara con la giusta mentalità, abbiamo trovato subito il gol, poi è normale che una squadra con una posizione di classifica come la nostra possa aver paura di vincere. Nel primo tempo abbiamo concesso campo in alcune circostanze, mentre nel secondo tempo abbiamo subito solo il gol su un cross. Aramu lo conosco, è stato un mio calciatore e se mi dice che ha tirato in porta non gli parlo più. Il rammarico è questo e anche quello di aver perso due giocatori dopo mezz’ora, degnamente sostituiti, ma che mi hanno precluso due cambi; avrei preferito giocare il secondo tempo con giocatori con caratteristiche tattiche diverse. E’ uscito il capitano, nonché difensore centrale, prima ancora il nostro trequartista Varela, che ho sostituito con un altro dello stesso ruolo, Baldini; era troppo presto poter pensare a un cambio diverso, inserendo un centrocampista. Poi alla fine Perez era stremato e quindi ho dovuto inserire un altro attaccante. Pur con questi cambi obbligati, abbiamo rischiato pochissimo contro una squadra di grande livello. I ragazzi hanno dimostrato di avere qualità tecnica, devono liberarsi da qualche paura, ma questo accadrà quando faremo qualche risultato. Speriamo che gli infortuni non siano particolarmente gravi, abbiamo più gente in stampelle che altro. Mi dispiace per il pubblico, che ha iniziato ad incitarci da ieri all’allenamento e che anche oggi è stato straordinario, meritavano questa vittoria, ma devono stare sereni, non devono pensare che sia un anno maledetto perché manca ancora tanto. Siamo in difficoltà di classifica, ma ne dobbiamo uscire con serenità. Lo stadio mi ha accolto benissimo e ringrazio tutti di cuore perché devo ancora meritare gli applausi, figuriamoci un’ovazione. Riparto dalle tante cose positive che ho visto e avrò una settimana in più per preparare la partita con l’Avellino. Il mercato? Sarei felice se arrivasse qualcuno a inizio gennaio così ci sarebbero venti giorni per lavorarci, ma se poi dovesse arrivare uno forte il 20 gennaio, va bene lo stesso”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here