Home Cronaca Cronaca Ancona

Aumento Biglietti Tpl, Sindacati Contro La Regione

0
CONDIVIDI
Bus Tpl
Bus Tpl
Bus Tpl

ANCONA 1 SET. Le segreterie regionali, di CGIL CISL UIL e di FILT-FIT-Uiltrasporti, considerano inaccettabile la decisione di aumentare del 10% le tariffe dei biglietti del Trasporto Pubblico Locale adottata della Giunta regionale nell’ultimo venerdì di agosto.

“Tale aumento, che segue quello del 2013 – sempre del 10%, – non può essere definito “adeguamento” in quanto non è giustificato da alcun significativo aggravio dei principali costi per le imprese, come quello del personale e del costo del gasolio, nè tanto meno quello dell’inflazione sotto l’1%; anzi, quello del gasolio nell’ultimo anno ha avuto una riduzione di oltre l’11% per un risparmio complessivo per il sistema delle imprese stimabile in circa 1,5 milioni di euro.

Quanto al pericolo, paventato dalla Regione, di perdere la propria quota di riparto del Fondo Nazionale legata al soddisfacimento di una serie di parametri (circa 10 milioni di euro), va precisato che il loro probabile mancato raggiungimento non può essere considerato “un fulmine a ciel sereno”, perché tali parametri sono stati introdotti con un DPCM del 2013, ma semplice incapacità di agire sull’efficientamento del sistema.

 

CGIL CISL UIIL sono consapevoli del problema, che viene sempre evocato, di una iniqua ripartizione della quota ordinaria del Fondo nazionale, ma non si può sottacere o dimenticare la continua riduzione di risorse che il settore ha subito negli ultimi anni con i tagli del bilancio regionale, anche conseguenti a quelli del Governo nazionale. In occasione dell’ultimo bilancio di previsione 2015 i sindacati avevano denunciato il taglio ai Trasporti e le pesanti ricadute che avrebbe avuto; ma oggi mancano ancora all’appello circa 7 milioni mettendo a rischio servizi e occupazione.

Con l’aumento dei biglietti, ancora una volta, le difficoltà del Trasporto Pubblico vengono scaricate sui cittadini che oltretutto, in questa fase di crisi, avrebbero bisogno di più servizi che invece vengono ridotti. Al contrario CGIL CISL UIL considerano non più rinviabile una profonda riorganizzazione del sistema che garantisca efficienza del servizio e razionalizzazione delle risorse a partire dal superamento di sovrapposizioni improduttive, attraverso l’unificazione dei bacini territoriali e una effettiva aggregazione della gestione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here