Home Economia Economia Ancona

Clabo spa, il cda approva il bilancio del 2015

0
CONDIVIDI
Clabo
Clabo
Clabo

ANCONA 2 APR.  Il Consiglio di Amministrazione di Clabo S.p.A., leader mondiale nel settore delle vetrine espositive professionali per gelaterie, pasticcerie, bar, caffetterie ed hotel, quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana, riunitosi in data odierna, ha approvato bilancio consolidato e il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2015 che sarà sottoposto all’Assemblea Ordinaria degli Azionisti che si terrà in prima e unica convocazione in data 29 aprile 2016.

Pierluigi Bocchini, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo, ha così dichiarato:

Il 2015 è stato un anno importante per il nostro Gruppo sia per i risultati ottenuti che per la quotazione sul mercato AIM Italia che ci ha consentito di ampliare la visibilità del nostro marchio, già leader a livello europeo e tra i principali player internazionali con una quota di mercato pari al 30% nel segmento “core”, nonché di raccogliere nuovo capitale da destinare al nostro progetto di espansione e innovazione continua. Il nostro mercato di riferimento offre importanti opportunità legate alla gelateria artigianale, soprattutto in paesi quali la Cina, su cui il nostro Gruppo è già presente con una filiale commerciale e, presto, anche produttiva. Guardiamo con estrema fiducia a questo mercato, caratterizzato da una crescita particolarmente promettente, che conta oggi solo 600 gelaterie artigianali e dove siamo presenti da tre anni. 

 

Ad oggi il gelato artigianale è ancora un fenomeno di nicchia, ma intendiamo sfruttarne a pieno le opportunità, che derivano anche dalle evoluzioni nello stile dei consumi alimentari. Continuiamo a concentrarci sul posizionamento internazionale facendo leva su due caratteristiche chiave per competere su scala internazionale: la riconoscibilità del nostro brand, noto nel mondo per qualità, design e affidabilità, e sulla nostra capacità di offrire un portafoglio prodotti molto ampio e corrispondente alle richieste di personalizzazione della clientela. Ciò è possibile grazie all’attenzione continua che rivolgiamo alla ricerca e all’innovazione di prodotto, che ci hanno consentito fino ad oggi di stabilire rapporti consolidati di lunga durata con clientela internazionale e di elevato standing.”

Per meglio comprendere l’andamento dei ricavi e dell’attività del Gruppo Clabo e di Clabo S.p.A. si riportano i risultati consolidati pro-forma ottenuti ipotizzando il conferimento del ramo d’azienda di Clabo Group srl con decorrenza 1° gennaio 2015. Peraltro il confronto con il 2014 è evidenziato solo nell’esposizione dei bilanci pro forma, poichè l’azienda non era sostanzialmente attiva nel 2014.

In allegato al comunicato sono riportati anche gli schemi dei bilanci annuali 2015, sia consolidato che d’esercizio, con riferimento al periodo di 9 mesi, dal 27 marzo 2015 (data effettiva di conferimento) fino al 31 dicembre 2015.

Risultati economico-finanziari del Bilancio Consolidato Pro forma al 31 dicembre 2015

I Ricavi sono pari a Euro 34,9 milioni (Euro 35,8 milioni al 31 dicembre 2014). Rispetto alle vendite nette, pari a Euro 33,0 milioni, il 50% è stato realizzato in Italia (il 48% nel 2014), il 25% in UE (29% nel 2014) e il 25% (22% nel 2014) nel resto del Mondo.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è pari a Euro 4,9 milioni (Euro 5,6 milioni al 31 dicembre 2014) con EBITDA margin del 15%. Tale marginalità, particolarmente positiva, beneficia di un mix di prodotti venduti a maggior valore aggiunto e in particolare della quota delle vendite di vetrine “Gelato” caratterizzate da maggior tecnologia e marginalità superiori.

Gli effetti della apprezzabile redditività economica sono inoltre riconducibili ad una politica di sconti commerciali più controllata e ad attente politiche di approvvigionamento che hanno permesso di ottenere il contenimento e la riduzione sulle quotazioni di acquisto dei materiali. I costi fissi della struttura hanno beneficiato degli effetti del progetto di razionalizzazione introdotto con il Piano Industriale e con la riorganizzazione commerciale della Società.

Il Margine Operativo Netto (EBIT) è pari a Euro 3,2 milioni (Euro 3,8 milioni al 31 dicembre 2014) dopo ammortamenti e svalutazioni per Euro 1,7 milioni.

Il Risultato netto è pari a Euro 2,8 milioni in crescita del +57% (Euro 1,8 milioni al 31 dicembre 2014), dopo oneri finanziari netti pari a Euro 0,7 milioni (Euro 0,8 milioni al 31 dicembre 2014). L’Utile netto include proventi pari a Euro 0,5 milioni, derivanti dall’alienazione della partecipazione del 100% in Clabo Cina, ritenuta non strategica. Contestualmente, è stata costituita una nuova branch nella medesima zona, per continuare l’attività di sviluppo commerciale dell’area asiatica.

La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 17,8 milioni (Euro 22,2 milioni al 31 dicembre 2014).

Il Patrimonio Netto è pari a Euro 14,6 milioni (Euro 4,3 milioni al 31 dicembre 2014).

Risultati economico-finanziari di CLABO S.p.A. pro-forma al 31 dicembre 2015

Si riportano i principali risultati economico finanziari pro-forma di CLABO S.p.A., che includono i risultati della Capogruppo nell’ipotesi che il conferimento del ramo d‘azienda operativo di Clabo srl fosse in essere dal primo gennaio 2015 al fine di meglio comprendere l’andamento dei ricavi, le risultanze economiche e le dinamiche dei valori patrimoniali e finanziari dell’esercizio appena trascorso ed il loro confronto con dati omogenei riferibili all’anno precedente. Si precisa che i risultati riferiti al 2014 sono stati sottoposti a controllo contabile e revisione per quelli ed in corso di revisione per quelli del 2015.

Sono altresì riportati i principali risultati di Clabo S.p.A. del bilancio civilistico relativi ai nove mesi del 2015 e precisamente dalla data di efficacia del conferimento dell’intero ramo dell’azienda della conferente Clabo Group Srl, intervenuta il 27 marzo 2015, fino al termine dello stesso esercizio.

I Ricavi si attestano a Euro 33,1 milioni (Euro 34,3 milioni al 31 dicembre 2014) con una riduzione di circa 1 milione di Euro nel 2015, riconducibile principalmente all’effetto combinato di contrazione del mercato brasiliano e svalutazione della valuta locale che di fatto hanno ridotto del 50% il valore delle vendite locali.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) si attesta a Euro 5,2 milioni (Euro 5,6 milioni al 31 dicembre 2014) con un’incidenza sui Ricavi di Vendita netti superiore al 16%.

Il Margine Operativo Netto (EBIT) è pari a Euro 3,5 milioni (Euro 4,0 milioni al 31 dicembre 2014).

Il Risultato Netto registra un valore di Euro 2,6 (Euro 2,1 milioni al 31 dicembre 2014)

La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 18,0 milioni (Euro 22,3 milioni al 31 dicembre 2014). La riduzione della Posizione Finanziaria Netta da oltre Euro 22 Milioni a circa Euro 18 Milioni è stata ottenuta grazie all’ottimo risultato dell’EBITDA che ha generato cassa addizionale non ancora assorbita dai nuovi investimenti realizzati.

Destinazione dell’utile

Il Consiglio di Amministrazione proporrà all’Assemblea del Azionisti, che si terrà il prossimo 29 aprile, di destinare l’utile d’esercizio di euro 1,9 milioni:

– per Euro 96 mila a Riserva Legale, e

– i restanti Euro 1,8 milioni a Riserva Straordinaria.

Fatti successivi alla chiusura dell’esercizio 2015

In data 30 marzo Clabo ha reso noto che, in base agli impegni assunti nell’ambito dell’offerta finalizzata all’ammissione alle negoziazioni su AIM Italia delle proprie azioni ordinarie (di seguito l’”Offerta”), a ciascun aderente all’Offerta che abbia mantenuto senza soluzione di continuità la piena proprietà delle azioni dell’Emittente, per almeno 12 mesi decorrenti dal 31 Marzo 2015, data di inizio delle negoziazioni del titolo Clabo, e che, per il medesimo periodo di tempo ossia sino al 30 marzo 2016 incluso, tali Azioni siano rimaste depositate presso un intermediario finanziario aderente alla Monte titoli S.p.A., spetterà il diritto all’assegnazione, senza ulteriori esborsi, di una azione aggiuntiva ogni dieci azioni assegnate nell’ambito dell’Offerta e non alienate.

In data 4 marzo Clabo ha acquisito del ramo di azienda operativo di Orfeo s.r.l., azienda in concordato (ex Bocchini s.p.a.) con sede a Monsano, operante nell’ambito degli arredi completi “custom made” per gelaterie e pasticcerie e proprietaria del marchio Bocchini (che l’acquirente potrà utilizzare sin d’ora in qualità di licenziatario). L’impegno di acquisto rilasciato prevede la stipula del relativo contratto da effettuarsi entro il 20 febbraio 2019 ed il pagamento del prezzo concordato corrisposto in modo frazionato a partire dal 31/12/2017 e subordinatamente al buon esito della procedura ex art. 162 L.F.

In data 8 febbraio la società Clabo S.p.A. ha nominato Francesco Merone nuovo Chief Financial Officer del gruppo a seguito delle dimissioni di Piergiorgio Polenti, avvenute in data 11 gennaio.

Infine a seguito dell’esecuzione del piano di acquisto di azioni proprie in data odierna Cla.Bo.Fin. S.r.l. possiede n. 328.000 azioni Clabo pari al 4,25% del capitale sociale.

Evoluzione prevedibile della gestione

Il Società si propone di mantenere la posizione di leadership internazionale nel business dei banchi per l’esposizione del gelato e della pasticceria artigianali anche attraverso l’espansione commerciale sui mercati internazionali ad alto potenziale di crescita, l’apertura di nuovi insediamenti produttivi all’estero e lo sviluppo di nuovi prodotti altamente innovativi per design e tecnologia.

Avviso di convocazione dell’assemblea ordinaria degli azionisti e deposito della documentazione

Entro i termini previsti dalla normativa vigente, l’avviso di convocazione dell’Assemblea sarà messo a disposizione del pubblico presso la Sede Legale della Società nonché reso disponibile nel sito internet della Società all’indirizzo www.clabo.it (sezione “Investor Relations”), dove saranno disponibili anche le relazioni illustrative degli amministratori all’Assemblea sulle proposte concernenti gli argomenti posti all’ordine del giorno.

In allegato:

– Conto economico consolidato e consolidato pro-forma al 31 dicembre 2015

– Stato patrimoniale consolidato al 31 dicembre 2015 e pro forma 2014

– Rendiconto finanziario netto consolidato al 31 dicembre 2015

– Conto economico Clabo S.p.A. e pro-forma al 31 dicembre 2015

– Stato patrimoniale Clabo S.p.A. al 31 dicembre 2015 e pro forma 2014

– Posizione Finanziaria Netta Clabo S.p.A. al 31 dicembre 2015 e pro forma 2014

– Rendiconto finanziario Netto Clabo S.p.A. al 31 dicembre 2015

Il comunicato è disponibile sul sito internet www.clabo.it

Clabo SpA, fondata nel 1958 e leader internazionale nel settore degli arredi per la ristorazione, è specializzata nella produzione e commercializzazione di vetrine espositive professionali per gelaterie, pasticcerie, bar, caffetterie e hotel. Fra i principali clienti annovera Nestlè, HäagenDazs, Puro gusto, Venchi, Eataly, campus Apple e i parchi Walt Disney. Con oltre 20 brevetti legati alle tecnologie della conservazione e della “catena del freddo”, Clabo offre una gamma-prodotti di oltre 1.100 modelli caratterizzati da ricercatezza nel design e tecnologia, declinabili in più versioni grazie alle numerose combinazioni fra allestimenti, accessori e colori. La società, che opera sul mercato con i brand Orion, FB e Artic, realizza oltre il 60% del fatturato all’estero in circa 95 paesi ed è presente in USA, Cina e Brasile. Clabo ha una precisa strategia di crescita basata su tre pilastri: l’apertura di nuovi stabilimenti produttivi in Asia e Sud America, l’espansione delle filiali commerciali esistenti e l’apertura di nuove nel Sud Est asiatico, nella penisola arabica e nei principali mercati europei. Clabo è quotato sul mercato Aim Italia da marzo 2015.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here