Home Spettacolo Spettacolo Ancona

COUNTDOWN PER IL CORINALDO JAZZ FESTIVAL 2014: IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

0
CONDIVIDI

Immagine per pubblicazioneANCONA 09 LUG.  Conto alla rovescia per la sedicesima edizione di Corinaldo Jazz. Per questo 2014 ben cinque concerti in programma, oltre a due originali seminari, uno sull’uso delle spazzole e uno sulla fotografia nel jazz.

Altra novità nel campo delle location: oltre alla tradizionale piazza del Terreno, dedicata ai due concerti principali, ci saranno tre nuovi palchi nel borgo storico. Tutti i concerti iniziano alle 21.45 e saranno a ingresso libero, tranne quelli dell’11 e del 13 agosto, con ingresso a 10 euro. Come da tradizione, a quasi tutti i concerti seguirà una jam session imperdibile per gli appassionati di jazz e musica.

La rassegna apre lunedì 4 agosto con il quartetto dell’instancabile trombonista Massimo Morganti, che presenterà il suo recente progetto “Musiplano”. Il trombone di Morganti sarà accompagnato da Angelo Lazzeri (chitarra), Gabriele Pesaresi (basso) e Stefano Paolini (batteria). Il concerto, in collaborazione con l’osteria De Scuretto e il ristorante Armoguasto, si terrà nel luogo più rappresentativo e scenografico del paese, la scalinata La Piaggia.

 

Martedì 5 agosto alle 21.00, presso il chiostro degli Agostiniani, il fotografo e batterista Piero Principi, vincitore del premio Orvieto Fotografia, terrà un seminario gratuito dal titolo “La fotografia musicale”.

Mercoledì 6 un originale tributo ai Beatles a opera dello Zirilli-Santini-Marsico Trio con un ospite d’eccezione: direttamente da Londra suonerà a Corinaldo il grande Jim Mullen, storico chitarrista di Brian Auger. Il concerto si svolgerà nella suggestiva piazza della Fontana, per la prima volta prestata al jazz. L’evento sarà preceduto, fuori programma, dalla performance dei The Ropesh, giovane band composta da musicisti europei che proporranno in anteprima il loro ultimo lavoro.

Lunedì 11, nella tradizionale piazza del Terreno, arriva il potente trio fusion Berlin-Watanabe-Taylor. L’evento di spicco sarà realizzato in collaborazione con Noctis di Piero Priori. Kazumi Watanabe è considerato uno dei più importanti chitarristi jazz e jazz fusion a livello internazionale (Steve GaddTony LevinBill BrufordWayne ShorterPeter Erskine ecc). Jeff Berlin non ha certo bisogno di presentazioni. Viene citato come uno dei migliori bassisti viventi e ha uno stile fortemente legato alla fusion, paragonabile a quello di Jaco Pastorius, sebbene Berlin suoni un basso con tasti (anziché fretless). Joel Taylor è un batterista molto ricercato nell’ambiente americano, ha suonato artisti che coprono l’intero spettro stilistico del mondo della musica, come Stanley Clarke, Allan Holdsworth, Al di Meola, Frank Gambale, Andy Summers, Robben Ford e molti altri.


Martedi 12 nel magnifico salotto all’aperto di piazza Santo Spirito Stefano Bagnoli, noto al pubblico dei batteristi con il soprannome di “brushman”, per la maestria con cui maneggia le spazzole, proporrà il suo progetto “We kids trio”, insieme a due giovanissimi talenti siciliani. Il concerto sarà preceduto da un seminario pomeridiano sulle spazzole, tenuto sempre dal maestro Bagnoli (per info consultare il sito web). 

Mercoledì 13 il gran finale, nella piazza del Terreno, con i Quintorigo e Roberto Gatto, che presenteranno un progetto dedicato a Frank Zappa. Nato dalla comune passione e dall’amore smodato che i Quintorigo e Roberto Gatto hanno sempre avuto nei confronti di Frank Zappa, questo vuole essere un lavoro prima di tutto live, che non rappresenta un concerto tributo né un concept live, ma un sentito, onesto, filologico e sperimentale ringraziamento a un maestro inimitabile come Frank Zappa.


INGRESSO LIBERO ai concerti del 4-6-12 / INGRESSO ? 10 ai concerti dell’11 e 13
Dir.Artistica :Andrea Venturi
In caso di pioggia i concerti si terranno presso il Teatro Goldoni

Per ulteriori informazioni consultare il sito internet www.corinaldojazz.com e iscriversi al gruppo Facebook della rassegna :

https://www.facebook.com/pages/Corinaldo-Jazz-Aspettando-il-festival/118856368220310

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here