Home Cultura Cultura Macerata

Cultura, Forum Regionale a Macerata Targato PD

0
CONDIVIDI
Libri
Libri
Libri

MACERATA 25 FEB.   La cultura che abbatte muri e intimidazioni. La cultura come opportunità per le nuove generazioni e per la crescita di un territorio, di una comunità. Gli investimenti regionali nelle politiche culturali.
Sono questi i temi principali del Forum regionale organizzato dal Partito Democratico delle Marche, dal titolo “Più cultura, meno paure”, in programma venerdì 26 febbraio a Macerata.

Un appuntamento, quello che si terrà alle ore 15.00 all’Hotel Claudiani, che si propone di essere un momento di incontro tra politica e sapere e che, passando dallo spettacolo dal vivo alla multimedialità digitale, mira ad attivare un confronto aperto e dialettico, ponendo interrogativi e avanzando orientamenti, soprattutto in termini di politiche culturali regionali. Ad aprire i lavori saranno il segretario regionale del PD Marche, Francesco Comi ed il Presidente della Regione, Luca Ceriscioli; la relazione introduttiva è affidata al prof. Massimo Puliani, responsabile Attività Culturali, Spettacolo e Multimedialità del PD Marche e coordinatore del Forum; interverranno la deputata e segretaria della Commissione Cultura della Camera, Irene Manzi, il presidente di Libera-Mente, Vito Inserra ed il segretario provinciale del PD Macerata, Settimio Novelli.

“Il tema di questo Forum non è casuale e nemmeno la tempistica in cui abbiamo deciso di inserirlo – spiega il professor Massimo Puliani, responsabile Attività Culturali, Spettacolo e Multimedialità del PD Marche –. Noi, infatti, ci proponiamo di ragionare intorno alle azioni e agli investimenti per le nuove generazioni che possono derivare dalle politiche culturali, valutando le possibilità offerte dall’Art Bonus voluto dal Governo Renzi e dal disegno di legge Cinema e Audiovisivi. Il tutto in chiave regionale, concentrandoci sulle politiche che la Regione svilupperà da quest’anno attraverso il finanziamento delle attività culturali.

 

Politiche di continuità con il passato o di cambiamento? È questa una delle domande che dobbiamo porci – prosegue il prof. Puliani –. L’idea portante di questo Forum è quella di ritenere l’investimento sulla cultura come un punto qualificante per la Regione Marche e per gli Enti locali: non solo per un’offerta a favore dell’indotto turistico, ma prevalentemente per dare risposte alla produzione artistica ed opportunità alle nuove generazioni. Il titolo “Più cultura, meno paure” – spiega ancora Puliani – è stato scelto perché dopo la strage del Bataclan di Parigi qualcosa è cambiato in Europa e in Italia. Quale miglior risposta a questo imbarbarimento sociale se non con la cultura? Con la cultura si possono abbattere muri e paure”.

In particolare, il Forum promosso dal PD Marche si occuperà di spettacolo e di multimedialità, settori in cui le Marche possono vantare sia importanti realtà locali che eccellenze internazionali. Si darà spazio, quindi, ad alcune voci di questa geografia delle attività dello spettacolo dal vivo e della multimedialità digitale, come il cinema e gli audiovisivi.

Ricca l’offerta di contributi prevista dal Forum. Sul piano politico interverranno: Francesco Giacinti, Presidente I Commissione Regione Marche, Romano Carancini, Sindaco di Macerata, Anna Rosa Cianci, Responsabile Beni culturali PD Marche, Paolo Marasca, Assessore alla Cultura del Comune di Ancona, Stefano Marchegiani, Vice sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Fano, Lorenzo Montesi, Segretario Giovani Democratici Macerata, Rita Soccio, Assessore alla Cultura del Comune di Recanati e Daniele Vimini, Vice sindaco del Comune di Pesaro e vice presidente Amat.

La sezione dei contributi culturali potrà contare sulla presenza di Gianfranco Alleruzzo, Presidente Legacoop Marche, Stefania Benatti, Direttore Fondazione Marche Cinema Multimedia, Luciana Cataldo, docente Accademia e Università, Mario Mariani, musicista e direttore Festival Teatro Libero del Monte Nerone, Paolo Nanni, comunicatore e regista teatrale, Carlo Maria Pesaresi, Presidente Consorzio CSM, Renato Pasqualetti, Presidente Fondazione Orchestrale FORM, Giovanni Seneca, musicista e direttore Festival Adriatico Mediterrano, Alessandro Seri, scrittore e direttore editoriale – ADAM, Accademia Delle Arti Macerata, Alia Simoncini, Marco Mondaini e Marco Bucci, studenti Accademia e Federico Dari, Giovani Democratici Macerata e studente universitario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here