Home Cronaca Cronaca Ancona

“Dipendiamo Banca Marche” Si Dissocia da Presidio di Jesi

0
CONDIVIDI
Banca Marche
Banca Marche
Banca Marche

ANCONA 3 GEN.  Lunedì, 4 gennaio 2016 dalle ore 8.30 alle ore 16.30, si svolgerà a Jesi, davanti all’Agenzia di Banca Marche di Corso Matteotti n. 8 un “presidio” organizzato dall’Associazione Vittime del Salva – Banche e con la partecipazione dell’Associazione Azionisti Privati Banca Marche.

L’Associazione Dipendiamo Banca Marche, invitata, NON ADERISCE all’iniziativa ritenendo la stessa, per come impostata, assolutamente inutile a risolvere le problematiche che si sono aperte con il decreto.

Fatto ancora più grave, un presidio organizzato davanti ad una Agenzia, rischia di fare apparire responsabili di ciò che è avvenuto i Dipendenti di Banca Marche, quando essi stessi sono le prime vittime, avendo perduto, oltre che le azioni e le obbligazioni subordinate, importanti quote di stipendio legate ai risultati della banca.

 

Vogliamo inoltre ricordare che qualche centinaio di dipendenti ha dovuto anticipare il pensionamento con una riduzione notevole dell’assegno e ben 200 giovani precari hanno perduto il posto di lavoro.

Dipendiamo Banca Marche ha già partecipato a numerose assemblee pubbliche e trasmissioni televisive mettendo in evidenza, ed è stata tra le prime a farlo, che oltre all’azione penale intentata nei confronti di coloro che saranno rinviati a giudizio, la fonte più importante per il recupero dei risparmi perduti da azionisti ed obbligazionisti è costituita dai ricavi derivanti dalla vendita dei crediti inesigibili e delle nuove banche. In questi ultimi giorni abbiamo avuto modo di rilevare che è sempre più consistente il numero di personaggi di rilevanza nazionale a livello economico che sta concordando con la nostra posizione.

Come sostenuto quindi in tante occasioni, oltre a continuare la nostra azione legale contro gli ex vertici di Banca Marche, punteremo tutta la nostra attenzione, in termini giuridico/legali, anche sull’operato di Bankit e della gestione commissariale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here