Home Cronaca Cronaca Ancona

Festa della Donna, Le Iniziative Targate Cgil Marche

0
CONDIVIDI
Festa della donna
Festa della donna

ANCONA 3 MAR. In occasione della festa della donna, la Cgil Marche organizza varie iniziative nella regione.

Lunedì 7 marzo, alle ore 17,30 presso la sede Cgil di Macerata (via Di Vittorio, 2/4 Piediripa), si svolgerà un incontro-dibattito su: “Violenza sulle donne: emergenza sociale”. Al dibattito prendono parte Daniela Barbaresi, segretaria Cgil Marche, Loredana Guerrieri, componente Associazione Osservatorio di genere, Loriana Lucciarini, scrittrice e Michela Verdecchia, coordinatrice Forum donne Cgil Macerata. Nel corso dell’incontro, sarà presentata “Petali rossi”, l’antologia con i racconti di varie scrittrici le cui vendite sosteranno il progetto BeFree della “Casa delle donne nella Marsica”.

Ad Ancona, l’8 marzo, alle ore 18, presso Bontà delle Marche (corso Mazzini) si terrà un convegno dal titolo: “Lavoro, diritti, violenza”, promosso oltre che dalla Cgil anche dall’Istituto Storia Marche: all’iniziativa partecipano Vilma Bontempo, segretaria Cgil Ancona, Barbara Montesi, ateneo feltresco, Cristiana Scuppa, sportello antiviolenza Jesi.

 

Ad Ascoli Piceno, il 9 marzo, si terrà un incontro, assieme a Cisl e Uil, su: “La scelta di esserci o no spetta solo a noi”, presso la sala Docens, piazza Roma, a partire dalle ore 9. Venerdì 11 marzo, al teatrino Campana di Osimo (An), alle ore 16,30, si svolgerà “Marzo donna: ruolo dirigenziale delle donne nel lavoro e nelle istituzioni”, promosso dallo Spi Cgil, con Maria Pia Chiappi, responsabile coordinamento Spi.

Infine, venerdì 18 marzo, alle ore 17, a Pesaro presso la sede della Provincia, si svolgerà il recital “Figlia mia, venite al ballo..: dai canti popolari italiani un ricordo delle antiche madri”, promosso dallo Spi Cgil.

“Anche nelle Marche, nel lavoro, le donne continuano ad avere difficoltà ma questo non deve far perdere la consapevolezza dei diritti conquistati – osserva Barbaresi – . La battaglia per rimuovere le diseguaglianze tra uomini e donne, a partire dalle retribuzioni, deve proseguire”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here