Home Cronaca Cronaca Ancona

Festa “Porto nel Cuore” ad Ancona, sarà liberata una tartaruga marina

0
CONDIVIDI
Tartaruga marina
Tartaruga marina
Tartaruga marina

ANCONA 28 LUG.  L’assessorato Ambiente della Regione Marche, in occasione dell’evento “Porto nel Cuore” che si celebrerà domenica 31 luglio, ad Ancona, in collaborazione con la Fondazione Cetacea di Riccione nell’ambito del Progetto europeo Adriatic+ promuove un’iniziativa per conoscere da vicino la tartaruga marina: uno dei simboli dell’Adriatico, dove trova un ambiente ideale di vita grazie alla cospicua disponibilità alimentare, pur con i tanti impatti umani che ne minacciano una tranquilla sopravvivenza. Sarà rilasciato un esemplare diCaretta caretta proveniente dal Centro specializzato di Riccione, che l’ha curato e rimesso in salute, dopo essere stato recuperato, ferito, in una rete da pesca: sarà una liberazione davvero speciale, in quanto, per la prima volta, la tartaruga sarà dotata di un dispositivo per la trasmissione satellitare di nuova generazione, con l’obiettivo di aumentare la conoscenza sulle sue abitudini e sulle modalità di interazione con l’ambiente. Con questo strumento si potranno monitorare gli spostamenti dell’esemplare in maniera continuativa e con estrema precisione. Nello stesso contesto tornerà in libertà anche un esemplare di Tartaruga Verde, specie normalmente presente nei mari caldi e sempre più spesso visibile anche alle nostre latitudini, segno del riscaldamento progressivo delle acque adriatiche. Prima del rilascio, l’esemplare di Caretta caretta sarà ospitato – dalle 10.00 – presso la tensostruttura di Tici-Porto alla banchina n°2, in una vasca transennata per essere osservata da vicino dal pubblico. Nell stesso contesto alle 11.00 si terrà una lezione dedicata alla tartaruga marina nell’Adriatico e alle strategie per tutelarla, facendo riferimento ai progetti europei Tartalife (CNR) e Netcet (Fondazione Cetacea – Riccione) e alle ricerche genetiche condotte dall’Università politecnica delle Marche. Alle 13.00, infine, il momento più atteso: la liberazione dell’esemplare, in mare aperto, con la collaborazione di Marina Militare e Capitaneria di Porto, che metteranno a disposizione i propri mezzi. La liberazione dell’esemplare di tartaruga marina è il frutto di una collaborazione fra diversi soggetti che lavorano insieme per tutelare questo straordinario animale marino, nell’ambito della Rete regionale per la conservazione della tartaruga marina: Regione Marche – Servizio Ambiente e Agricoltura, Fondazione Cetacea, Parco regionale di San Bartolo, Parco regionale del Conero, Riserva della Sentina, CNR, Università Politecnica delle Marche, Università di Camerino, Capitaneria di Porto di Ancona, Corpo Forestale dello Stato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here