Home Cronaca Cronaca Ancona

Festeggiamenti San Ciriaco ad Ancona, aumentano i controlli

0
CONDIVIDI
Polizia

ANCONA 3 MAG.  Grande spiegamento di forze in tutto il capoluogo.

Dallo scorso week-end, e poi la festa del primo maggio fino ai festeggiamenti per il Santo Patrono, il Questore ha messo in campo decine e decine di poliziotti, impegnati in servizi straordinari del controllo del territorio.

Pattuglie della Squadra Volante, Nucleo Cinofili, Squadra Nautica, Poliziotti di Quartiere, equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria Marche, Squadre Antiterrorismo e  pattuglie in borghese, hanno battuto in lungo e largo tutto il capoluogo, effettuando posti di controlli, identificazioni, ispezioni a veicoli e locali pubblici.

 

Nelle ultime 48 ore sono state identificate 946 persone, controllati 372 veicoli, identificati 408 cittadini extracomunitari, controllati 27 locali pubblici ed effettuati 35 posti di controllo.

 

Durante il controllo del territorio, ieri sera, alle ore 19.00, una pattuglia della Squadra Volante notava tre individui che indirizzavano invettive e parolacce al dipendente di un bar sito in piazza Ugo Bassi.

I tre, due uomini e una donna, barcollando e sorreggendosi l’un l’altro urlavano a squarciagola richiamando l’attenzione di tutti i passanti che si guardavano bene dall’avvicinarsi.

Immediatamente gli agenti intervenivano e li identificano: cittadini italiani, classe 1980 e 1990, la donna classe 1979, tutti pluripregiudicati per reati contro la persona e il patrimonio.

La combriccola in un evidente stato di ebbrezza minacciava a parole il barista in quanto, vedendo il loro stato psicofisico, si era rifiutato di mescere altro alcool.

Infastiditi da quel comportamento i tre si posizionavano davanti all’ingresso del locale e incominciavano in un crescendo di insulti e grida a richiedere birra e superalcolici.

Provvidenziale l’intervento degli agenti che riportavano alla calma i due uomini e la donna, accompagnandoli presso gli Uffici della Questura.

Per loro veniva adottata la misura preventiva dell’avviso orale.

 

Poco prima della chiusura dei negozi, quattro individui, tutti originari della Romania, entravano in una gioielleria sita in Piano San Lazzaro e chiedevano di visionare degli orologi per un regalo importante.

Nonostante la cura con cui la commessa spiegava ai clienti le caratteristiche degli orologi esposti, i clienti chiedevano di visionare oggetti più costosi, facendo il segno con le dita di essere disponibili a pagare molto.

Il loro atteggiamento e le strane risatine dei quattro insospettivano il dipendente che, con una scusa si allontanava per chiamare immediatamente il 113 della Questura.

Verosimilmente i clienti “fiutavano” che qualcosa non stava andando secondo i loro piani e in fretta e furia uscivano dal negozio dove ad attenderli vi erano gli agenti della Squadra Volante.

I quattro venivano identificati: cittadini stranieri, di 21, 28, 32 e 45 anni, senza fissa dimora in Italia con precedenti specifici per furti.

Sottoposti ai rilievi fotodattiloscopici che confermavano le generalità e i precedenti penali, venivano muniti di un foglio di via obbligatorio dalla città.

Durante l’attività di controllo del territorio, questa mattina, alle ore 11.00, una pattuglia appiedata intercettava due cittadini originari del Magreb, classe 1984  e 1973 che con fare sospetto si aggiravano in prossimità della fiera di San Ciriaco.

Ciò che attirava l’attenzione era che uno di essi, il più giovane, trascinava un grosso borsone con le rotelle.

I due sbirciavano tra i banchi degli espositori confondendosi con le numerose persone che affollavano i viali.

Immediatamente venivano bloccati ed identificati.

Da un controllo alla Banca Dati emergeva che entrambi erano gravati da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, in particolare furti.

Invitati ad aprire la valigia, gli agenti scoprivano che non vi era neanche un oggetto al suo interno.

Considerato che i due, regolari sul territorio nazionale, risiedevano in provincia, venivano ammoniti  e per loro veniva redatto un foglio di via obbligatorio dalla capoluogo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here