Home Hi-Tech Hi-Tech Ancona

Filiere digitali, le opportunità per le imprese marchigiane

0
CONDIVIDI
Confartigianato

ANCONA 4 MAR. Digitalizzazione delle filiere e nuovi modelli di sviluppo per il tessuto produttivo. Questo il tema al centro dell’incontro organizzato dalla Confartigianato Marche lunedì 6 marzo ad Ancona che vedrà la presenza tra gli altri anche dell’On. Lorenzo Basso e dell’assessora regionale Manuela Bora.
Il meeting si terrà presso il centro direzionale della Confartigianato in via Fioretti 2/a a partire dalle ore 16,45. Alle ore 17,00 aprirà i lavori la relazione dell’On. Lorenzo Basso Componente della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo sulla Indagine Conoscitiva Piano Nazionale «Industria 4.0».

Seguirà alle ore 17,45 la relazione del Dr. Paolo Manfredi Responsabile Nazionale Strategie Digitali Confartigianato Imprese.
Alle ore 18,15 è previsto l’intervento della Dr.ssa Manuela Bora Assessora Regionale alle Attività Produttive e Commercio che presenterà le strategie della Regione Marche.
Quindi il dibattito. La conclusione dei lavori, alle ore 19, è affidata al segretario regionale della Confartigianato Dr. Giorgio Cippitelli.
“Industria 4.0 consente di innovare la manifattura italiana facendo leva sulla qualità – dichiara il segretario Confartigianato Marche Cippitelli – Il Governo ha dato un ruolo centrale alle imprese e tant’è che le parole chiave del piano sono innovazione, ricerca, competenze, tecnologie digitali, ma anche tradizioni e specificità territoriali e made in Italy. Il Piano ha quindi puntato sulle competenze, sulla tradizione produttiva e le specializzazioni territoriali come fattori competitivi sul mercato globale, indipendentemente dalla taglia aziendale che li esprime.

Industria 4.0 è l’occasione per far compiere a tutta la nostra manifattura un deciso salto di qualità, esaltando i punti di forza e la complessità espressa da artigiani, micro e piccole imprese che rappresentano il 99,4% del sistema produttivo e sono ricchi di forte competenza produttiva, ma al tempo stesso fortemente pervasi di creatività e orientati alla continua innovazione”.

 

A livello territoriale, occorre però declinare il Piano in base alle caratteristiche del tessuto produttivo in cui viene calato. Per tale motivo, stiamo lavorando con la Regione Marche per individuare una via marchigiana ad Industria 4.0, che tenga conto della nostra realtà manifatturiera, fatta di micro imprese che, nel loro piccolo e spesso pur in assenza di un’adeguata formalizzazione e contabilizzazione in bilancio, sono comunque in grado di innovare (prime in Europa per capacità di innovazione in base ai dati Eurostat).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here