Home Cultura Cultura Ancona

Gola dell’infernaccio, riapertura del percorso naturalistico

1
CONDIVIDI

Una passeggiata all’interno delle Gole dell’Infernaccio il 2 dicembre, alle 10.
Questa l’iniziativa, aperta a tutti, per inaugurare la fine dei lavori del sentiero che conduce all’Eremo di San Leonardo e alle Sorgenti del Tenna, passando per il Laghetto della Sibilla.

Saranno presenti il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e il sindaco di Montefortino Domenico Ciaffaroni ed il direttore del Consorzio Tennacola spa Sergio Paolucci.

E’ stata liberata la via d’accesso alle gole dai massi del sisma e ripristinati 3 ponticelli (uno prima della gola, e gli altri 2 prima e dentro la galleria) ed una passerella. L’investimento finanziario complessivo è stato di circa 150mila euro, il progetto gestito dalla Protezione Civile è stato affidato al Consorzio Idrico del Tennacola spa.

 

“In questo anno la Regione ci è sempre stata vicino, pronta a rispondere alle esigenze della popolazione – ha commentato il sindaco di Montefortino Domenico Ciaffaroni -. Ritorna così a vivere una delle parti più importanti del Parco dei Sibillini, conosciuta in tutta Europa. Questo farà ripartire l’economia del territorio garantendo l’arrivo di turisti per le strutture che sono sopravvissute al sisma e per quelle che abbiamo delocalizzato”.

“Un grazie alla amministrazione per l’impegno essenziale che ha profuso per restituire questo percorso di grande attrattività turistica e bellezza ambientale ha concluso il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli – Un vero e proprio regalo di Natale anticipato per tutte le persone che vogliano conoscere la magia del nostro territorio”.

1 COMMENT

  1. La Gola dell’Infernaccio è di nuovo aperta per tutti i turisti mentre la Frazione di Rubbiano è morta grazie al Sindaco che ha deciso di fare una zona rossa che non permette a chi ha casa di presentare il progetto per riparare i propri fabbricati.
    Una zona rossa ridicola che non è neppure recintata ne presidiata come dovrebbe dove c’è perfino chi abita e entra quando vuole.
    A che serve fare la zona rossa in questo modo?
    Come al solito nessuno vigila ne controlla a dovere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here