Home Cronaca Cronaca Ancona

Inps, 559 mila pensioni erogate nelle Marche

0
CONDIVIDI
Pensionati

ANCONA 6 APR. Sono 559 mila le prestazioni pensionistiche e assistenziali attualmente erogate dall’INPS nelle Marche di cui 298 mila pensioni di vecchiaia (pari al 53,3% del totale), 42 mila pensioni di invalidità (7,6%), 120 mila pensioni ai superstiti (21,5%), 16 mila pensioni/assegni sociali (2,8%) e 83 mila prestazioni a invalidi civili (14,8%). E’ quanto emerge dai dati dell’INPS (escluse le gestioni dei lavoratori pubblici) elaborati dall’IRES CGIL Marche.

Negli ultimi 6 anni, il numero delle pensioni complessivamente erogate nelle Marche è diminuito del 3,4%, pari a circa 20 mila prestazioni in meno (di cui 9 mila pensioni da lavoro dipendente), con un calo superiore alla media nazionale. Diminuiscono in particolare le pensioni di anzianità (-1,7% pari a 5 mila prestazioni in meno), per effetto delle riforme che si sono succedute e che hanno innalzato i requisiti anagrafici e contributivi per accedere alla pensione, e in controtendenza al dato nazionale, diminuiscono anche le pensioni di invalidità, quelle di reversibilità e gli assegni sociali, mentre aumentano notevolmente le invalidità civili.

Nello stesso periodo, si è notevolmente innalzata l’età media dei pensionati. Ciò è particolarmente evidente per l’età di coloro che sono stati lavoratori dipendenti: dal 2012 ad oggi, i pensionati con meno di 65 anni di età sono passati dal 16,8% al 10,5% del totale, mentre coloro che hanno oltre 80 anni sono passati dal 29,1% al 37,8%.

 

L’importo medio delle pensioni vigenti nelle Marche è di 720 euro con valori medi che variano dai 925 euro medi delle pensioni di vecchiaia ai 406 euro delle pensioni e assegni sociali.

Nelle Marche, gli importi delle pensioni sono di gran lunga inferiori a quelli nazionali: -212 euro lordi medi mensili. Particolarmente significativa la differenza negli importi delle pensioni di vecchiaia dei lavoratori dipendenti: -299 euro mensili rispetto ai valori medi nazionali. Differenze anche tra i diversi territori delle Marche nei quali le pensioni di vecchiaia dei lavoratori dipendenti passano da 974 euro medi nella provincia di Pesaro-Urbino, a 955 euro a Macerata, a 951 ad Ascoli Piceno, a 886 euro ad Ancona, fino a 873 euro a Fermo.

Significativa anche la differenza tra uomini e donne: se i primi percepiscono nelle Marche 951 euro di pensione, le donne arrivano a 558 ovvero mediamente 393 euro in meno ogni mese; una differenza che per le pensionate ex lavoratrici dipendenti arriva a 575 euro mensili.

Secondo Daniela Barbaresi, Segretaria della CGIL Marche, “questi dati evidenziano come le diseguaglianze tra uomini e donne presenti nel mercato del lavoro si riflettano poi anche nella pensione; emerge poi la condizione di difficoltà di migliaia di pensionati marchigiani che dopo una vita di lavoro, sono costretti a fare i conti con pensioni troppo basse, e come le riforme che si sono succedute negli anni abbiano pesantemente penalizzato tanti lavoratori nell’accesso alla pensione”.

Nelle Marche 387 mila prestazioni pensionistiche, pari al 69% del totale sono inferiori a 750 euro al mese (valori peggiori rispetto alla media nazionale): dunque, 7 pensionati su 10 percepiscono una pensione che non consente loro di superare la soglia della povertà.

Una condizione pensionistica nella quale si rilevano notevoli le differenze di genere: mentre gli uomini con pensioni fino a 750 euro sono il 49% del totale (45% a livello nazionale), per le donne tale percentuale sale all’83% (77% in Italia).

Aggiunge Daniela Barbaresi: “il tema delle pensioni è stato recentemente oggetto del confronto con il Governo che a giorni dovrà varare i decreti attuativi per l’attivazione dell’APE social e volontaria, per la riduzione dei requisiti contributivi per i lavoratori precoci e per la revisione dei criteri per l’anticipo dei lavoratori impegnati in attività usuranti”.

“Restano alcune questioni ancora irrisolte come il numero di anni continuativi nelle attività gravose per accedere all’APE social, che rischia di escludere i lavoratori di interi settori come l’edilizia, così come i lavoratori disoccupati per scadenza del contratto a termine”.

“E’ importante poi che si sia avviata anche la discussione sulle pensioni di garanzia per i giovani e per i lavoratori discontinui, su come favorire una maggiore flessibilità in uscita dal lavoro, sulla rivalutazione delle pensioni in essere e sul riconoscimento ai fini previdenziali il lavoro di cura, causa principale della differenza di importi pensionistici tra uomini e donne”.

Aggiunge Emidio Celani, Segretario SPI CGIL Marche: “dopo anni di politiche discriminatorie che hanno tolto risorse ai pensionati e le tante mobilitazioni, con il verbale d’intesa sottoscritto a settembre scorso da Governo e Sindacati, abbiamo ottenuto l’estensione e l’aumento della quattordicesima per le pensioni contributive con redditi bassi e l’innalzamento dell’esenzione delle tasse nazionali e locali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here