Home Sport Sport Ascoli Piceno

Latina-Ascoli, Aglietti “Esame importante”

0
CONDIVIDI
Alfredo Aglietti

ASCOLI PICENO 29 APR.  Mister Aglietti ha parlato così alla vigilia di Latina-Ascoli, delicata sfida in chiave salvezza per i marchigiani.

“La vittoria sull’Avellino ha rappresentato una crescita dopo i pareggi con  Frosinone,  Perugia e Brescia, ma dobbiamo proseguire su quella strada e in quest’ottica quello con il Latina sarà un ulteriore esame per noi, sarà un match difficilissimo che va al di là degli assenti: non recupero Mengoni, mentre Bianchi e Favilli oggi si sono allenati con la squadra. Dispiace per Mengoni perché sta facendo molto bene, ma ci sarà Gigliotti, oltre ad Augustyn, che con l’Avellino ha disputato una prova molto buona. Le sensazioni positive le avevo anche prima della partita con l’Avellino perché le gare precedenti erano state di buon auspicio, abbiamo compiuto dei passi in avanti con la vittoria di martedì che  ci ha permesso di staccarci momentaneamente dal quintultimo posto, ma dobbiamo dare continuità anche perché la quota salvezza si è alzata a 48-49 punti. Domani troveremo un Latina che non ha nulla da perdere, è reduce dalla vittoria sull’Entella, a testimonianza che nelle zone basse non molla nessuno; starà a noi interpretare la gara meglio dell’avversario, con determinazione, rabbia e cattiveria agonistica superiori a quelle che metterà in campo il Latina. Nel girone d’andata i laziali hanno perso poco, poi, complici la situazione societaria e il sapere che sarebbero arrivate le penalizzazioni, l’ambiente si è un po’ depresso, ma il Latina è una squadra che sta avendo grande dignità e coi tre punti di Chiavari mantiene aperta la speranza di salvarsi. A noi una vittoria darebbe lo slancio decisivo per restare in cadetteria.  Addae? E’ cresciuto tanto da inizio stagione, è meno falloso e irruento e dietro questo  c’è tanto lavoro in allenamento, è disponibile ad ascoltare, deve ancora limare certi slanci, ma la forza fisica e il temperamento sono anche la sua forza, fanno parte della sua indole. Anche contro l’Entella aveva disputato un’ottima partita, ma poi l’episodio del rigore è quello che rimane in memoria. Se continua a giocare concentrato, senza farsi trascinare da eccessi di nervosismo, è imprescindibile anche perché è l’unico ad avere certe caratteristiche”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here