Home Cronaca Cronaca Ancona

Lavoro, Nel 2015 nelle Marche Aumentano le Assunzioni

0
CONDIVIDI
Lavoro
Lavoro
Lavoro

ANCONA 25 GEN.  Nei primi undici mesi del 2015, le aziende nelle Marche hanno assunto 131.426 persone, il 6,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2014.

La maggior parte dei neo assunti ha un contratto a termine (68,6%), il 26% è stato assunto con un contratto a tempo indeterminato e solo il 5,4% come apprendista.

Alcune delle assunzioni a tempo indeterminato sono state effettuate beneficiando dell’esonero contributivo istituito con la legge 190 del 2014.

 

In particolare, su 34.242 assunzioni a tempo indeterminato, 20.535 (59,9%) ha avuto luogo sfruttando l’esonero contributivo. Di queste, in 7.917 casi si è trattato di una trasformazione in tempo indeterminato di contratti a termine. E” quanto emerge dai dati dell’osservatorio Inps sul precariato, elaborati dall’Ires Cgil Marche.

Da gennaio a novembre, le trasformazioni di contratti di apprendistato in contratti a tempo indeterminato sono state oltre 3.000 con un incremento del 13,2% rispetto allo stesso periodo del 2014. Le trasformazioni dei tempi determinati in contratti stabili ammontano a 11.269, il 28,4% in più rispetto al 2014.

Le cessazioni di lavoro sono state 114.756 con la creazione di un saldo positivo “assunzioni – cessazioni” pari a 16.670 posti di lavoro. Si inizia a lavorare più di quanto si smetta ma non per i contratti di lavoro a tempo indeterminato: le cessazioni superano le assunzioni di 1.276 unità.

Il numero di voucher venduti da gennaio a novembre nelle Marche è pari a 4,5 milioni, il 61,8% in più rispetto allo stesso periodo 2014.

Rispetto ai valori medi osservati per il centro Italia e per il Paese nella sua totalità, la situazione delle Marche è peculiare (e si confermano le tendenze osservate per il periodo “gennaio-ottobre”):

l’incremento delle assunzioni complessive nelle Marche è inferiore (6,7% Marche, 10,3% centro Italia, 9,8% Italia)

l’incidenza delle assunzioni a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni è inferiore (26% Marche, 31,2% centro Italia, 32,8% Italia)

l’incidenza delle assunzioni a termine sul totale delle assunzioni è maggiore (68,6% Marche, 64,9% centro Italia, 63,7% Italia)

nelle altre regioni italiane il saldo tra assunzioni e cessazioni per il lavoro a tempo indeterminato è mediamente positivo mentre per le Marche ha segno meno

l’incremento dei voucher venduti nelle Marche è inferiore (+61,8% Marche, +72,9% centro Italia, +67,5% Italia).

“Ciò che si evidenzia – fa sapere Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche – è che, pur nel generale aumento dell’occupazione, si moltiplica l’uso di voucher e contratti a tempo determinato. Non a caso, il saldo tra assunzioni e cessazioni sui contratti a tempo indeterminato è negativo. Tutto questo significa che, nonostante gli incentivi del Governo, il mercato del lavoro nelle Marche resta caratterizzato dal precariato e, comunque, anche la crescita dell’occupazione è inferiore rispetto alla media nazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here