Home Economia Economia Ancona

MARCHE NEL MONDO, INTERVENTI A FAVORE DEI MARCHIGIANI EMIGRATI

0
CONDIVIDI
Culture del Mondo

MARCHE_MONDOANCONA 10 DIC.  Coniugare gli interventi a favore dei marchigiani nel mondo con le politiche regionali di promozione per favorire un indotto economico presso i mercati esteri. La questione è stata al centro della riunione del Consiglio dei marchigiani all’estero, in corso di svolgimento, a Recanati, presso la Sala Conferenze di Villa Colloredo Mels. Il Consiglio sta discutendo i contenuti del Programma triennale che individuerà gli interventi a favore dei marchigiani emigrati.

“C’è molta attesa e grande attenzione verso le Marche, da parte dei corregionali all’estero, perché hanno piena consapevolezza delle difficoltà che il Paese sta affrontando – ha evidenziato Emilio Berionni, presidente del Consiglio dei marchigiani all’estero – Vogliono dare man forte alla promozione del territorio, delle sue eccellenze culturali, produttive, turistiche. Dove è possibile vogliono mettere in campo le professionalità che vantano, altrimenti mettono a disposizione le proprie associazioni che possono svolgere un ruolo di potente amplificazione delle Marche, senza per questo snaturare la propria funzione associativa che è quella di accomunare persone della stessa appartenenza”.

“Sono figli di chi ha lasciato le Marche alla ricerca di un lavoro – continua Berionni – Alcuni sono discendenti, altri emigrati. Hanno aiutato lo sviluppo dell’Italia, perché la loro partenza ha consentito, a chi è rimasto, di stare meglio: negli anni ’60 con le rimesse mandate alle famiglie hanno permesso di superare difficoltà economiche; negli anni ’70, quando sono ritornati, hanno investito i loro risparmi, contribuendo alla crescita del Paese. Oggi , che sono comunità ormai stabilmente all’estro, il contributo che possono e vogliono dare è quello di promuovere la propria regione perché si sentono parte integrante della comunità marchigiana”.

 

Il Consiglio ha lavorato dando vita a tre gruppi di lavoro. Il primo ha analizzato le procedure amministrative e contabili che regolamentano i rapporti tra la Regione e le Associazioni dei  marchigiani all’estero. Il secondo ha affrontato le problematiche, comuni a tutte le Regioni italiane, di riforma degli organismi di rappresentanza, “nell’ottica di un contenimento delle spese di funzionamento delle Associazioni”. Il terzo ha approfondito i contenuti del Piano a sostegno della proiezione internazionale della Regione. “L’obiettivo è quello di individuare un nuovo modello di iniziative promozionali che consenta di collocare le Marche al centro degli eventi nella Nazioni di riferimento”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here