Home Economia Economia Ancona

Piccole medie imprese sempre più importanti nelle Marche

0
CONDIVIDI
Imprese

l rapporto tra istituzioni e realtà produttive del territorio è sempre più stretto e, soprattutto, non dimentica il fondamentale ruolo che le Pmi e le imprese artigiane hanno nel rilancio economico della regione. Proprio per questo, quattro anni fa, la Regione Marche ha deciso di non far pagare le tasse per tre anni a chi decide di aprire una nuova azienda nella regione. All’Assemblea Nazionale della CNA, che questa mattina (26 ottobre, ndr) ha visto ad Ancona la presenza del Premier Giuseppe Conte e del Ministro per lo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli ha portato il suo saluto evidenziando l’importanza della piccola e media impresa per la crescita dell’economia marchigiana, un tessuto produttivo che va valorizzato e tutelato: ‘Le Marche sono fondate sulla piccola impresa – ha detto – e la Regione quattro anni fa ha fatto una scelta che è stata quella di non far pagare le tasse per tre anni a chi apre qui una nuova impresa. È il contributo, la spinta che vogliamo dare a chi si mette in prima persona in questa grande avventura. E per fortuna sono ancora tanti. La presenza oggi del presidente del Consiglio Giuseppe Conte rappresenta un’occasione per rafforzare il dialogo con il Governo nazionale e dare agli artigiani quell’attenzione che loro chiedono per non finire nel mirino delle misure fiscali e per essere considerati una risorsa utile per far ripartire il Paese’. Il governatore ha poi continuato ricordando il ruolo della Cna:’La Cna in questi anni – ha sottolineato – attraverso la creazione della Camera di Commercio Unica, ha fatto tanti passi in avanti nella capacità di riformare le cose e migliorarle anche con il dialogo costante con le istituzioni, partecipando, così, al rilancio dell’economia del territorio. Ricordo in particolare come si è spesa sul tema dell’acquisto, da parte della Regione, di centinaia di appartamenti invenduti realizzati da piccole imprese artigiane, che hanno permesso di rimettere in moto un pezzo di economia. È attraverso il confronto costante fatto con le categorie e con le imprese che si lavora per il rilancio del territorio’.
L’Assemblea Nazionale CNA, cui è stato dato il titolo di ‘La nostra sfida per l’Italia” ha visto la partecipazione di circa cinquemila tra artigiani, piccoli e medi imprenditori, interessati ai grandi temi dell’economia e alle strategie per il rilancio del Paese, anche alla luce della ricostruzione e del nuovo decreto sisma.



Loading...