Home Cronaca Cronaca Ancona

POLITICHE GIOVANILI. LE NUOVE MODALITA’ DI ATTUAZIONE SUL TERRITORIO

0
CONDIVIDI

paolo-eusebiANCONA. 27 MAR. Al via il nuovo programma annuale degli interventi in materia di politiche giovanili da parte della Giunta regionale.

L’atto, sul quale nei giorni scorsi la Consulta regionale dei giovani si è espressa favorevolmente, passa ora all’esame della competente Commissione consiliare per il parere previsto dalla legge regionale 24/2011.

Per l’assessore alle Politiche Giovanili, Paolo Eusebi “si tratta di un programma assolutamente innovativo rispetto al passato: nuove le modalità di attuazione sul territorio rispetto alla precedente legge regionale 46; così come gli elementi di valutazione e il relativo sistema premiante, con riferimento, in particolare, alla rilevanza territoriale dei progetti e alla costruzione di reti con la partecipazione dei giovani; innovativo il regime di cofinanziamento nel quale possono confluire anche i costi figurativi”.

 

Con l’approvazione del programma vengono definiti il riparto delle risorse stanziate per il 2013, i criteri e le modalità per la presentazione e la valutazione dei progetti locali e di iniziativa regionale.

Due, le tipologie di progetti previste dalla nuova legge regionale, a cui la Giunta destina le risorse previste dal bilancio 2013 di circa 480mila euro.

Il 60% riservato al finanziamento dei progetti di interesse locale con l’obiettivo di cofinanziare i progetti degli Enti locali e degli Ambiti Territoriali Sociali. La copertura del territorio regionale è garantita da una procedura che provvede a ripartire le risorse finanziarie, destinate al finanziamento dei progetti degli enti locali, per Ambito Territoriale Sociale, in proporzione al numero di giovani residenti nella fascia di età 16-35 anni. Tutti i territori, quindi, hanno la possibilità di esprimere una progettualità che tenga conto delle rispettive peculiarità e, soprattutto, della domanda che viene direttamente dai giovani. Si amplia, di fatto, la possibilità di partecipazione diretta dei giovani: i progetti devono prevedere infatti il partenariato delle componenti giovanili del territorio.

Il 40% delle risorse è destinato al finanziamento di progetti di iniziativa regionale: in particolare quelli selezionati in base alle proposte delle Associazioni e degli organismi giovanili operanti nel territorio regionale. Soggetti beneficiari le associazioni giovanili e non e, per la prima volta, si apre anche per i gruppi informali di giovani la possibilità di partecipare presentando le loro proposte progettuali da realizzare in collaborazione con la struttura regionale di riferimento.

Il programma annuale degli interventi entrerà in vigore dopo l’acquisizione del parere della Commissione consiliare e l’approvazione definitiva da parte della Giunta regionale. Tutti i soggetti avranno tempo fino al 30 giugno 2013 per lavorare alle progettualità e presentare domanda di cofinanziamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here