Home Cronaca Cronaca Ancona

Porto di Ancona, via alla demolizione della “Zona incompiuta”

0
CONDIVIDI
porto-ancona

Sarà firmato entro questo mese il contratto che darà il via ai lavori di demolizione della cosiddetta “Incompiuta” che si trova nell’area del porto commerciale, una struttura obsoleta interna alla zona doganale della darsena Marche.

I lavori sull’area erano stati interrotti negli anni ’90 dall’ente che gestiva le banchine dello scalo a causa del cambiamento delle esigenze operative nella movimentazione delle merci.

Dopo un complesso procedimento amministrativo con gli organi competenti, ottenute le autorizzazioni necessarie, è stata avviata la gara per l’affidamento in appalto dei lavori di demolizione totale, smaltimento e nuova pavimentazione per lo stoccaggio delle merci, per un importo complessivo di 531.600 euro. I tempi di esecuzione previsti, dalla data di consegna dei lavori all’appaltatore, sono di quattro mesi. Dopo l’intervento sarà disponibile una superficie di circa 10 mila metri quadrati.
“Siamo riusciti a sbloccare, grazie alla collaborazione con l’Agenzia del Demanio, una delle tante situazioni molto complicate all’interno del porto – afferma il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Rodolfo Giampieri -, che interessa un’area bloccata da quasi trent’anni. Con questo provvedimento, rispondiamo all’esigenza espressa dagli operatori portuali, da noi condivisa totalmente, di poter avere a disposizione maggiori superfici per le loro attività, dimostrando che, quando i problemi si affrontano insieme, con il reciproco impegno, i risultati arrivano sempre”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here