Home Cronaca Cronaca Pesaro-Urbino

PROTEZIONE CIVILE, LEZIONI SU EVENTI CALAMITOSI AGLI STUDENTI DI APECCHIO E PIOBBICO

0
CONDIVIDI

ProtCiv1PESARO URBINO 10 APR.  Il dipartimento della Protezione civile delle Marche ha curato una giornata informativa che ha coinvolto circa 400 studenti dei comuni di Apecchio e Piobbico, in provincia di Pesaro e Urbino.

Le lezioni hanno riguardato i comportamenti da tenere durante i principali eventi calamitosi. Ai ragazzi sono state illustrate le organizzazioni della protezione civile nazionale, regionale e comunale, oltre al Piano di evacuazione, relativo alla scuola, predisposto dall’amministrazione comunale. Gli incontri si sono svolti presso gli Istituti Comprensivo “Scipione Lapi” (sedi di Apecchio e Piobbico) e Alberghiero “G. Celli” di Piobbico. L’attività formativa rivolta alla popolazione scolastica rientra nell’ambito della “rilettura ragionata della pianificazione comunale e dei modelli di intervento” avviata con le amministrazioni comunali e provinciale interessate. Quella tra Gubbio, Pietralunga, Apecchio e Piobbico, infatti, è un’area sismica attiva da diverso tempo. Il dipartimento per la protezione civile della Regione Marche si è subito interessato al fenomeno in corso, attivando una serie di collaborazioni ai diversi livelli istituzionali. Da anni collabora con l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) che, attraverso le sue rilevazioni, ha segnalato come, dal marzo 2010, l’area, nel suo complesso, sia stata interessata da più di 13.000 scosse. Nel solo mese di marzo 2014, sono state circa 300, per la maggior parte di debole energia. La giornata è servita anche per verificare le connessioni e la funzionalità dei sistemi operativi della filiera della protezione civile locale, come la disponibilità e la funzionalità dei materiali e dei mezzi (compresi quelli sanitari), le aree di emergenza, i soccorsi comunali e le apparecchiature di telecomunicazione disponibili. È stato, sostanzialmente, testato il modello di intervento per fronteggiare eventuali crisi, che ha avuto, come momento centrale, l’attività formativa a favore degli studenti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here