Home Politica Politica Ancona

Riordino Province, riassetto amministrativo della struttura regionale

0
CONDIVIDI
Regione Marche
Regione Marche
Regione Marche

ANCONA 23 MAG.  La Giunta regionale ha apportato alcune modifiche all’assetto amministrativo , a partire dal 25 maggio e ridefinito alcune posizioni dirigenziali (Posizione di funzione – PF) nell’ambito delle strutture del Gabinetto del presidente; Servizio risorse finanziarie e politiche comunitarie; Servizio attività produttive, lavoro, turismo, cultura e internazionalizzazione; Servizio infrastrutture, trasporti ed energia; Servizio politiche sociali e sport. L’adeguamento si è reso necessario a seguito dell’esercizio delle funzioni conseguenti al riordino delle Province. In attesa di procedere a una revisione complessiva dell’assetto organizzativo della Giunta regionale, l’adeguamento garantisce una migliore funzionalità alle attività istituzionali attraverso una progressiva soppressione di alcune strutture e di incarichi attribuito ad interim. In particolare è stato conferito l’incarico PF “Strategia Macroregione Adriatico Ionica e cooperazione territoriale europea”, nell’ambito del Gabinetto del presidente, a Riccardo Strano, in comando dall’Enit (nelle more del ricollocamento del relativo personale ad altri enti). Cesare Spuri (responsabile del Dipartimento regionale della protezione civile) assumerà ad interim la PF “Edilizia sanitaria e ospedaliera” nell’ambito dell’Agenzia sanitaria regionale. Vengono soppresse le PF “Cultura” e “Internazionalizzazione”, dirette entrambe a interim da Raimondo Orsetti e istituita la PF “Cultura e Internazionalizzazione”, assegnata sempre a Orsetti. Viene confermata, ad interim, la direzione della PF “Rete elettrica regionale, autorizzazioni energetiche, gas e idrocarburi” a Stefania Tibaldi. Confermati anche gli incarichi PF di Mauro Terzoni, Fabio Montanini e Graziella Gattafoni per la gestione del Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) e Fse (Fondo sociale europeo) nell’ambito dei servizi Politiche comunitarie, Lavoro e Formazione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here