Home Cronaca Cronaca Ascoli Piceno

Scontro Tornado, Celebrazioni nell’Ascolano

0
CONDIVIDI
scontro-tornato-frame-tg1
scontro-tornato-frame-tg1
Scontro Tornado

ASCOLI PICENO 12 AGO. A un anno dallo scontro dei due tornado, avvenuto il 19 agosto del 2014 e che è costato la vita ai piloti Alessandro Dotto, Giuseppe Palmintieri, Mariangela Valentini e Paolo Piero Franzese, l’amministrazione comunale di Venarotta (Ascoli Piceno), con il patrocinio dello Stato Maggiore della Difesa, in collaborazione con l’Aeronautica Militare e l’Associazione Arma Aeronautica, ha deciso di commemorare i quattro caduti.
Il 19 agosto, dalle ore 18:40, presso il Piazzale dell’Addolorata di Gimigliano (frazione di Venarotta) verrà deposta una corona d’alloro in memoria dei piloti e sarà inaugurato un monumento a loro dedicato. L’opera scultorea – che è stata commissionata all’artista Teodosio Campanelli, originario di San Benedetto del Tronto – è stata pensata come un luogo destinato al ricordo e alla riflessione, in cui una figura umana, quasi un angelo ma più vicino a un moderno Icaro, sta a rappresentare, in una posa reclinata su se stessa, un momento di profonda meditazione interiore.
“È ormai trascorso un anno– ricorda il Generale S.A. Maurizio Lodovisi – da quando nei cieli sovrastano la ridente campagna collinosa, che che si trova alle spalle della Città delle Cento Torri (Ascoli Piceno), si è consumata la tragedia che ha strappato all’affetto del Popolo Italiano quattro giovani e valorosi Ufficiali dell’Aeronautica Militare. Quel tragico pomeriggio del 19 agosto 2014, il Fato ha voluto che il Maggiore pilota Alessandro Dotto, il Maggiore navigatore Giuseppe Palminteri, il Maggiore pilota Mariangela Valentini e il Maggiore navigatore Paolo Piero Franzese venissero sottratti a questa vita e che iniziassero un nuovo cammino che li portasse, forti del loro valore, ad intraprendere un lungo viaggio verso le stelle”.
valore, ad intraprendere un lungo viaggio verso le stelle”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here