Home Cronaca Cronaca Macerata

Spaccio, arresto a Macerata di un elemento di spicco della malavita

0
CONDIVIDI
Droga

Nel quadro della ancor piu’ pressante azione di contrasto alla criminalità nigeriana da parte della Polizia di Stato della Questura di Macerata nella nostra provincia su impulso del Questore Dr. Antonio PIGNATARO, nella giornata di ieri, veniva bloccato a Macerata un esponente di spicco di un sodalizio criminale formato da cittadini nigeriani dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione è seguita ad una scrupolosa e complessa attività di ricerca del soggetto localizzato da giorni nella nostra zona. Grazie a lunghi appostamenti e a pedinamenti, l’uomo è stato rintracciato da parte degli operatori dell’ufficio immigrazione  della Questura di Macerata, i quali riuscivano a bloccare e ad accompagnare in Questura il 35enne I.O. già noto alle Forze dell’Ordine, per l’immediata espulsione dal territorio italiano dopo la convalida da parte del Giudice di Pace di Macerata del provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto.

L’attività in questione, coordinata dal Dirigente dell’Ufficio Immigrazione Vice Questore MARCUCCI Maurizio (foto), ha visto  anche  l’impiego di poliziotti specializzati in scorte internazionali tramite mezzo aereo, data la pericolosità del soggetto in questione il quale veniva accompagnato presso l’aeroporto di Fiumicino ed imbarcato su un aereo diretto in Nigeria.

 

Lo straniero in argomento, già condannato per reati in materia di droga nell’agosto del 2015,  veniva anche tratto in arresto dalla Squadra Mobile di Macerata nel settembre del 2017 in esecuzione di un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Macerata per analoghi reati.

Con tale operazione è stato tolto dalla circolazione un pericolosissimo spacciatore ritenuto elemento di spicco di un sodalizio composto da cittadini nigeriani dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti nella nostra provincia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here