Home Sport Sport Ascoli Piceno

Spezia-Ascoli, Aglietti “Importante non perdere”

0
CONDIVIDI
Aglietti

ASCOLI PICENO 28 FEB.  Mister Aglietti ha tenuto, presso l’Hotel La Corte del Sole di Castel di Lama, la conferenza stampa di presentazione del match di questa sera al “Picco”:

“Dobbiamo dimenticare la sconfitta di sabato perché domani c’è lo Spezia, un match molto importante da non perdere; entrambe le squadre sono reduci da una sconfitta e vorranno fare risultato, noi per ripartire, loro in ottica playoff. I liguri nel mercato hanno preso giocatori importanti per puntare in alto. Noi, dopo un periodo di buone prestazioni, siamo incappati in una giornata storta in cui neanche la fortuna ci ha aiutati, infatti due gol sono stati due autoreti. Lo Spezia sul piano del palleggio può metterci in difficoltà, quindi dovremo pressarlo e non consentire ai loro esterni di mettersi in moto, sarà una partita a scacchi, sappiamo che è una squadra importante, ma a volte con queste sfide ci esaltiamo; dovremo alzare al massimo l’attenzione per portare a casa il risultato. Il modulo? L’importante è che tutti abbiano recuperato fisicamente dal match con il Pisa, per il resto vìglio prendermi altro tempo. Perez stamattina ha accusato un problema muscolare, che era difficile da valutare e recuperare a ventiquattr’ore dalla gara, quindi non sarà con noi. Bianchi? Come avevo detto prima della sfida col Pisa, vorrei ributtarlo dentro al più presto e domani vorrò rivederlo all’opera. Per noi è un calciatore importante che ci dà geometrie, qualità e quantità. Cassata? Da un punto di vista tattico è importante perché con lui possiamo passare a un centrocampo a tre anche in corso d’opera; gli ho detto che deve essere più disciplinato in campo, è un calciatore che dà sempre il 100% e questo lo porta a strafare e a prendere troppi cartelli, ma ora dovremo essere molto attenti perché le squalifiche scatteranno prima per lui. In casa finora non siamo riusciti a trovare la stessa continuità che abbiamo avuto in trasferta, probabilmente perché fra le mura amiche c’è da fare la partita e questo ci crea difficoltà, anche se in realtà siamo sempre passati in vantaggio, ma poi non siamo riusciti a gestirlo, ci facciamo prendere dall’ansia di vincere e questo non è produttivo, dobbiamo difendere un po’ più alti dalla nostra porta ed essere un po’ più aggressivi sui portatori di palla. Dobbiamo ricominciare a fare la fase di non possesso palla in modo più arcigno e determinato perché la salvezza passa anche da questo. Slivka? Con riferimento alla gara col Pisa, è normale che il giudizio è legato al risultato della partita, l’ho schierato nella posizione in cui gioca in Nazionale, ma sabato tutti potevano fare di più, anche lui. Sulle qualità del giocatore non ci sono dubbi, è un calciatore moderno, ha buon fisico, buona corsa e buon piede, è alle prime esperienze in B e deve crescere, ma è sicuramente interessante”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here