Home Economia Economia Ancona

Viabilità portuale Ancona, Confartigianato chiede incontro al Comune

0
CONDIVIDI
Porto di Ancona

Confartigianato Trasporti nel prendere atto positivamente delle iniziative avviate nella città di Ancona tese alla riqualificazione di diverse zone del tessuto urbano, intende sottoporre alla nuova amministrazione comunale, la grave situazione che si sta registrando sulla Via Mattei in zona Zipa del Porto di Ancona.

In questa realtà, insistono diversi sistemi economici, dichiara Gilberto Gasparoni segretario di Confartigianato Trasporti, dalle imprese dell’autotrasporto e della logistica, dai cantieri del lusso con le aziende terziste o della nautica da diporto, al Porto Turistico, tutte attività per fortuna in forte espansione che però non hanno visto in contemporanea né una pianificazione dei parcheggi per i mezzi  leggeri in enorme crescita, né una manutenzione della sede stradale e delle aree verdi presenti in questa zona, che devono essere un buon biglietto da visita per quanti transitano per il porto traffico commerciale, turistico e croceristico o vi lavorano. I parcheggi improvvisati, per l’intera giornata, stanno creando grandi rischi ed intralci alla viabilità commerciale, una situazione molto pericolosa che al primo intoppo rischia di bloccare il porto dorico.
Confartigianato Trasporti ha richiesto un concreto e tempestivo intervento su questi temi individuando nuovi spazi, anche sotto i viadotti presenti in zona, in modo da regolamentare la sosta e dotare questa parte della città di un piano viabilità e parcheggi.  A queste problematiche, afferma il Presidente  di Confartigianato Trasporti Angelo Pisa, si aggiungono quelle della realizzazione della riprofilatura della costa verso Torrette, dell’uscita a nord dal porto, con un collegamento veloce ed adeguato, alla grande viabilità e la realizzazione della quarta corsia Castelferretti Torrette. Argomenti questi di grande interesse e di attualità, oggi più che mai anche in considerazione dell’insediamento del nuovo Parlamento, del nuovo Governo che dovranno lavorare su questi progetti e che vanno sollecitati costantemente. Confartigianato Trasporti invita quindi tutte le Istituzioni Regionali, Comunale, AP, Parlamentari ad intervenire unitariamente su questi rilevanti temi onde proseguire nei progetti già avviati che non possono o debbono essere interrotti, ma anzi vanno spinti con determinazione per dare risposte concrete ai cittadini, ai lavoratori ed alle imprese che attendono da anni fatti concreti puntando allo sviluppo dell’intermodalità offerta dall’infrastruttura portuale e ferroviaria e ad una vivibilità dei quartieri a nord di Ancona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here