Home Sport Sport Macerata

Volley, Fantastica Lube: Vittoria 3-1 a Piacenza

0
CONDIVIDI
Stemma Lube Volley
Stemma Lube Volley
Stemma Lube Volley

MACERATA 2 NOV. Ci sono grossi calibri biancorossi a bordo campo: Blengini deve fare ancora a meno di Miljkovic, Cebulj e Kovar. Ma questa Cucine Lube Banca Marche di risorse ne ha in abbondanza, e dopo la rimonta della settimana scorsa a Forlì ne offre ulteriore dimostrazione cogliendo la prima vittoria piena della stagione (3-1: 25-18, 21-25, 25-17, 25-20) dinanzi agli oltre 3 mila spettatori dell’Eurosuole Forum e alla Lpr guidata dall’ex Alberto Giuliani, viva nel secondo set e vittima sacrificale negli altri parziali, inerme sotto i colpi dettati dall’immenso regista Christenson, MVP della partita che ha sancito il suo esordio assoluto nella Superlega UnipolSai.
Il primo set si decide subito dopo il fischio d’inizio con i padroni di casa che partono mandando l’hawaiano sulla linea dei nove metri. Christenson ne mette otto di fila, siglando due ace, e sfruttando al meglio il lavoro del muro-difesa per impostare i contrattacchi che spediscono la Cucine Lube Banca Marche sull’8-0. I marchigiani, che sfoderano Sabbi e Podrascanin in gran vena (9 punti col 67% per l’opposto, 5 punti col 100% in attacco e un muro per il centraline serbo, che chiuderà la gara a quota 13), devono quindi soltanto cavalcare la continuità del cambio palla per portare a casa la vittoria (che numeri di Christenson e Grebennikov!), mentre dall’altra parte Giuliani prova a trovare sbocchi efficaci in attacco inserendo prima Ter Horst per Luburic, poi anche Papi al posto di Zlatanov (39% sulle schiacciate per gli emiliani, 61% per la Lube). Finisce 25-18, con un primo tempo di Stankovic.
Piacenza risorge comunque nel secondo set, presentandosi in campo con gli stessi uomini con cui aveva concluso quello precedente e trovando il suo primo vantaggio della partita sul 9-8, che arriva con un contrattacco vincente di Ter Horst (6 punti, top scorer dei suoi). Civitanova deve far uscire Parodi (fastidi al polpaccio, dentro Gabriele), ed a risentirne è soprattutto la ricezione. Sul punto a punto che si trascina fino a quota 15, è infatti un ace di Kohut a scavare il primo break per gli ospiti, poi subito a +3 grazie ad un errore di Sabbi (15-18). Sarà quindi un’altra battuta vincente, stavolta di Coscione (16-20) a chiudere virtualmente i conti (finirà 21-25) per i piacentini, che vedono salire al 48% l’efficacia del proprio attacco.
Il terzo parziale è invece una nuova passeggiata per la Cucine Lube Banca Marche, che accelera sul 13-9 con due fiammate di Sabbi (8 punti e 89% di efficacia nel parziale, in cui le percentuali d’attacco tornano a parlare nettamente in favore della Lube: 59% contro 38% dei piacentini, che ripresentano platano in posto 4), e chiude sul 25-17 trascinata dai suoi tifosi e da un Juantorena in crescita esponenziale (5 punti e 56% nel set, 19 totali).
E’ proprio un ace dell’italo-cubano (altri 7 punti, 55%) a regalare il break ai suoi nel quarto set (13-9), anche questo a senso unico, con la squadra di Blengini che viaggia decisamente sul velluto regalando colpi di classe a ripetizione con tutti i suoi gioielli. Chiude Pasquale Gabriele sul 25-20.
Sabbi è stato il top scorer della partita con 24 punti (64% in attacco, 1 muro).

VIDEO CHECK
2° SET:
8-9 (attacco Sabbi) Video Check richiesto da: Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (8-10).
11-12 (muro Podrascanin) Video Check richiesto da: Piacenza per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Civitanova (12-12).
15-16 (servizio Kohut) Video Check richiesto da: Piacenza per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Piacenza (15-17).
17-23 (muro Papi) Video Check richiesto da: Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (18-23).

3° SET:
21-12 (attacco Gabriele) Video Check richiesto da: Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Piacenza (21-13).

 

4° SET:
3-2 (servizio Juantorena) Video Check richiesto da: Piacenza per verifica fallo di piede al servizio. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Piacenza (3-3).
23-17 (attacco Podrascanin) Video Check richiesto da: Piacenza per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Civitanova (24-17).

Il tabellino
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Fei n.e., Gabriele 3, Parodi 1, Juantorena 19, Vitelli n.e., Stankovic 8, Sabbi 24, Christenson 5, Cester n.e., Grebennikov (L), Corvetta n.e., Podrascanin 13. All. Blengini.
LPR PIACENZA: Manià (L), Coscione, Kohut 8, Ter Horst 19, Perrin 15, Papi 1, Sedlacek , Patriarca 7, Zlatanov 3, Luburic 1, Tencati 1, Rodrigues, Cottarelli n.e.. All. Giuliani.
ARBITRI: Vagni (PG) – Pasquali (AP).
PARZIALI: 25-18 (24′), 21-25 (29′), 25-17 (24′), 25-20 (27′).
NOTE: Spettatori 3180, incasso 18730. Lube bs 17, ace 4, muri 7, errori 5, ricezione 63% (31% prf), attacco 56%. Piacenza bs 14, ace 6, muri 6, errori 3, ricezione 51% (23% prf), attacco 43%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here