Home Sport Sport Macerata

Volley, Supercoppa: Modena elimina Lube in semifinale

0
CONDIVIDI
La Lube durante un'azione

Si apre con una sconfitta la stagione 2018/2019 della Cucine Lube Civitanova.

I biancorossi di Giampaolo Medei, a ranghi completi solo tanto da pochi giorni e dunque ancora in piena fase di rodaggio, dopo oltre due ore e mezzo di gioco si arrendono infatti al tie break all’Azimut Leo Shoes Modena nella semifinale della Del Monte Supercoppa 2018 (26-28, 28-26, 25-22, 19-25, 13-15), e domani dovranno accontentarsi di scendere in campo nella finalina che mette in palio il terzo posto nella manifestazione, di scena nel tutto esaurito del Pala Barton di Perugia.

L’appuntamento è domani alle 15.00 contro la Sir Safety Conad Perugia, sconfitta a sorpresa in tre set dall’Itas Trentino nella prima semifinale.

 

La partita

Con Sokolov non ancora al meglio causa la riabilitazione al ginocchio (ma verrà ampiamente utilizzato nel corso della gara), Medei schiera un sestetto pressoché scontato, con Simon a formare la diagonale palleggiatore-opposto con Bruno, Stankovic e Cester al centro, Leal e Juantorena schiacciatori di mano, Balaso libero.

Nessuna novità neppure nella metà campo modenese dove l’ex biancorosso Christenson viene schierato in cabina di regia in diagonale con Zaytsev, Urnaut e Bednorz giocano di mano, Mazzone e Holt al centro, e Rossini è il libero.

La Cucine Lube si lascia sfuggire il primo parziale dopo aver firmato un’incredibile rimonta: sotto 21-24, gli uomini di Medei piazzano un parziale di 4-0 con la battuta float di Cester, che dopo un muro di Juantorena su Urnaut consente a Stankovic di attaccare di prima intenzione per il primo e unico set point biancorosso, sul 25-24. Annullato senza patemi da Modena, che attacca col 61% di efficacia contro il 43% dei marchigiani (8 punti per Zaytsev, segue Anzani con 5), ed è brava a sfruttare con il servizio di Anzani l’ennesima distrazione della linea di ricezione Lube, che nell’occasione presentava anche Massari per Leal (26-28).

Il secondo set sembrava correre sui medesimi binari del primo: Lube avanti 19-16 trascinata dai suoi bomber caraibici (7 punti a testa per Juantorena e Leal, 6 per Simon), poi il recupero dei modenesi che infilano ben tre ace di fila sui turni al servizio rispettivamente di Bednorz (19-18), Holt (20 pari) e Christenson, che consente ai suoi di mettere il muso davanti per la prima volta nel parziale (21-22). Stavolta, però, nel punto a punto finale è la Cucine Lube (che attacca addirittura col 74%) a trovare la zampata vincente (al suo secondo set-ball), grazie ad un muro a uno di Juantorena su Zaytsev (28-26).

La vittoria regala linfa ai cucinieri, che anche nel terzo parziale continuano ad attaccare con buone percentuali (56% di squadra), staccando gli avversari ancora sul velenosissimo servizio float di Cester, autore di due ace. Il 14-17 convince Velasco a sostituire Urnaut con Kaliberda, e con il tedesco in campo gli emiliani acciuffano la parità a quota 20 (muro di Christenson su Leal). Ma la Cucine Lube ha un’altra marcia, e trascinata da Leal trova immediatamente un nuovo break (22-20), poi chiude sul 25-22 con un muro vincente di Stankovic.

Biancorossi avanti 2-1 nel computo dei set, dunque, ma nel quarto la squadra di Medei si scioglie letteralmente (32% in attacco, 42% in ricezione, 4 muri subiti e 7 errori punto), consentendo all’Azimut di guidare in scioltezza prendendo subito un largo vantaggio (7-12, poi 13-19 con un ace di Holt), e costringendo l’allenatore dei marchigiani a gettare nella mischia pressoché tutta la panchina (dentro il regista belga D’Hulst, oltre a Massari per Leal e Sokolov per Simon) per provare ad invertire la rotta. Senza riuscirci: un muro vincente di Bednorz chiude in favore dei modenesi sul 25-19, rimandando tutto al tie break.

Che è un monologo dell’Azimut Modena, a dispetto dell’equilibratissimo 15-13 finale.

Il tabellino

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 1, D’Hulst, Marchisio n.e., Juantorena 19, Massari, Stankovic 10, Diamantini n.e., Leal 19, Sander n.e., Cantagalli n.e., Cester 10, Simon 15, Bruno Rezende 3, Balaso (L). All. Medei.

AZIMUT LEO SHOES MODENA: Bednorz 17, Benvenuti n.e., Pierotti, Van Der Ent n.e., Rossini (L), Pinali, Zaytsev 21, Christenson 5, Holt 17, Anzani 14, Urnaut 16, Mazzone, Kaliberda, Keemink n.e.. All. Velasco.

Parziali: 26-28 (32′), 28-26 (33′), 25-22 (30′), 19-25 (25′), 13-15 (18′).

Note: spettatori 3912, incasso Euro 62.000. Cucine Lube: battute sbagliate 17, ace 10, muri vincenti 11, 48% in attacco, 43% in ricezione (25% perfette). Azimut Modena: battute sbagliate 24, ace 7, muri vincenti 11, 58% in attacco, 55% in ricezione (34% perfette).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here