Home Economia

Area di crisi industriale del Piceno: 2,8 milioni di euro dalla Regione

0
CONDIVIDI
export

La Regione Marche attiverà nuovi interventi a sostegno dell’Area di crisi complessa Piceno Val Vibrata per 2,8 milioni di euro: 1,3 milioni a carico del Fondo sociale europeo (Fse); 1,5 milioni del bilancio regionale. Su proposta dell’assessore Guido Castelli, la Giunta regionale ha approvato lo schema dell’Atto integrativo per la riconversione e la riqualificazione industriale del territorio che verrà sottoscritto nei prossimi giorni dai Ministeri ed Enti locali coinvolti (Sviluppo economico, Infrastrutture, Transizione ecologia, Anpal, Regioni Marche e Abruzzo, Province di Ascoli Piceno e Teramo, Invitalia per presa visione). La firma prorogherà la validità dell’Accordo di programma fino a luglio 2023. “Si chiude un percorso lungo e complesso che ha portato la Regione Marche, d’intesa con l’Abruzzo e l’assenso del Mise, a rendere fattibile e operativa la proroga – commenta Castelli – Visti i tempi imposti dalla Ue per la rendicontazione dei Fondi Fse della precedente programmazione, il rischio era quello di vedere inutilizzate risorse destinata al rilancio del Piceno e della Val Vibrata. Contestualmente mettiamo a disposizione nuove opportunità finanziare per consolidare il percorso di crescita auspicato dal territorio”. Dei 2,8 milioni di euro per le Marche, previsti dall’Accordo integrativo, 1,3 milioni di euro saranno utilizzati per sostenere la creazione di imprese: 300 mila per lo scorrimento della graduatoria aperta, 1 milione per attivare un ulteriore bando. “Sono molto contento che i questi fondi vengano impiegati per la creazione d’impresa in un’area così delicata e che necessita di attente politiche per il lavoro – il commento dell’assessore regionale al Lavoro Stefano Aguzzi – Già da tempo ci siamo attivati, finanziando la nascita di nuove realtà imprenditoriali in vari settori, tra artigianato e turismo, commercio, servizi ed edilizia: grazie a questo ulteriore finanziamento si potrà proseguire con la strategia di rilancio del territorio che la Regione Marche ha messo in atto”. Gli altri 1,5 milioni disponibili saranno orientati sugli investimenti produttivi.

 

Loading...