Home Sport Sport Mondo

BOCCIA SU STRADA: AGLI EUROPEI, IN GERMANIA, ITALIANO CONQUISTA MEMORIAL MAURIZIO DELLA COSTANZA

0
CONDIVIDI

Con un primo lancio da 296 metri, un vero e proprio record assoluto, l’italiano Nicolò Altea di Terre Roveresche, in provincia di Pesaro Urbino, si è aggiudicato la Coppa in memoria di Maurizio Della Costanza, già presidente Iba e presidente Abis, al Campionato europeo di boccia su strada disputatosi a Meldorf, in Germania, a Meldorf.

La manifestazione sportiva è stata organizzata dall’Associazione Europea di Boccia su Strada, Iba, che riunisce le associazioni e le federazioni di diversi Paesi quali Germania, Irlanda, Olanda e Italia che partecipa con l’Abis, una affiliata della Figest, la Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali.

La delegazione di casa nostra era composta da 4 under, 5 donne, 15 uomini. Inoltre facevano parte della delegazione, in qualità di coach, Floriano Salucci e Francesco Boiani. Con loro anche Marcello Carloni, presidente della specialità boccia su strada Figest e presidente Abis, oltre a Matteo Capeccia, presidente regionale Figest delle Marche.

Tre le giornate di gara per tre specialità diverse: gara su prato, gara della portata all’interno dello stadio e gara su strada con il boccino di ferro dal peso di 800 grammi su un percorso lungo più di 2 chilometri.

Per l’assegnazione della coppa in memoria di Maurizio Della Costanza, figura straordinaria che ha permesso una grande crescita dello sport della boccia su strada, è stato invece scelto chi, nella specialità su strada, ha effettuato il primo lancio in assoluto più lungo.

Per il nostro connazionale Altea è stato il primo trofeo italiano conquistato in terra europea. Molta l’emozione di chi ha conquistato il riconoscimento e che ha dedicato la vittoria ai compagni di gara, alla famiglia e a tutto il movimento dello sport della boccia su strada.

Nella classifica generale gli italiani hanno avuto un ottimo successo nella specialità su strada, che è quella praticata in maniera più assidua e frequente. Da ricordare il nono posto assoluto di Michele Ugoccioni, pesarese di Monteciccardo, che ha totalizzato in 10 lanci 1900 metri. Per gli altri atleti sono invece arrivate buone posizioni di metà classifica.

Molta la soddisfazione dei partecipanti soprattutto per aver preso parte alla manifestazione che, con tutte le problematiche legate alla pandemia, era stata messa in dubbio fino all’ultimo.

Il team azzurro si sta già preparando ai prossimi Campionati europei, in programma per il 2024, sempre in Germania.

“Queste trasferte europee – affermano Matteo Capeccia e Marcello Carloni – ci consentono di acquistare quella consapevolezza in più dello sport che si pratica. Giocare a livello europeo, affrontandosi con atleti di diverse nazioni, a volte superiori agonisticamente parlando, è un modo per crescere, impegnarsi per raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi. Come gli altri imparano da noi, dobbiamo essere anche noi ad imparare da loro. L’Italia, con impegno e dedizione, può raggiungere ottimi risultati. Lo dimostra come i ragazzi siano già proiettati al 2024”.

Loading...