Home Cultura

IL GIAPPONE PRONTO AD ACCOGLIERE L’ARTE TOLENTINESE DEL DISARMONISMO

0
CONDIVIDI

DSCN2273 - CopiaGENOVA 5 GEN. L’avanguardia artistica marchigiana del “Disarmonismo” chiude il 2014 con il botto finale: il futuro parlerà giapponese. La Terra del Sol levante, infatti, sarà la prossima meta del gruppo artistico italiano  che punta  sull’arte come forma di dialogo tra le nazioni e i popoli.  Il Disarmonismo sbarcherà  prossimamente a Tokyo grazie ad un giovane fotografo sambenedettese che tradurrà in giapponese il “Manifesto Dinamico Disarmonista” e proporrà le sue “foto disarmoniste” nella metropoli giapponese.  Dopo la Polonia, dove il pittore Piotr Mitera ha già introdotto i concetti principali del Disarmonismo, ora è la volta del Paese Asiatico pronto ad accogliere i colori e l’arte marchigiana.   L’innovativa linea artistica italiana è stata  promossa attraverso pubblicazioni  in Cina, Polonia,  Brasile e Moldavia.   Soddisfazione è stata espressa dagli ideatori del progetto, il  pittore Carlo Gentili e il  matematico Carlo Damiani, i quali preannunciano  importanti novità in dirittura di arrivo da Belgio, Moldavia e Stati Uniti.

 

ULTERIORI CURIOSITA’:

 

Il nome del giovane fotografo, ancora anonimo, verrà presentato ufficialmente nei prossimi giorni.

Carlo Gentili   è l’ideatore del MANIFESTO DINAMICO DISARMONISTA, una nuova forma d’arte d’avanguardia italiana che coniuga  la fantasia e l’ingegno con le teorie della fisica quantistica, dell’effetto farfalla e della teoria del caos. L’innovativa linea artistica è stata  promossa attraverso pubblicazioni  in Cina, Polonia,  Brasile e Moldavia.   Lo stesso Gentili ha presentato ufficialmente  la sua arte in Cina, nella metropoli di Hangzhou, dove sono ospitati in maniera permanente due suoi dipinti dedicati alla Terra del Dragone.“Ho portato in Oriente i colori delle Marche, la passione della nostra terra, la saggezza della nostra gente.”

Il matematico Carlo Damiani sta prendendo contatti in Germania per presentare ufficialmente il Disarmonismo in terra tedesca

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here