Home Consumatori Consumatori Macerata

La Rocca Borgesca diventa location di matrimoni

0
CONDIVIDI
La Rocca Borgesca diventa location di matrimoni

Lo sfondo dei Sibillini e il panorama della Rocca dei Borgia a Camerino per la prima volta saranno la cornice di cerimonie e matrimoni.

Una novità assoluta che apre a nuovi scenari nella città ducale. A stabilirlo una delibera con cui la Giunta camerte ha deciso di aprire uno dei monumenti storici della città a eventi e cerimonie, almeno momentaneamente nel rispetto delle normative imposte dal Covid19 e con gli ingressi contingentati.

Una bella notizia per la città, ma non solo.

Si potrà avere a disposizione per le proprie celebrazioni uno degli spazi a cui la cittadinanza di Camerino tiene di più e con cui custodisce un forte legame, ma sarà disponibile per tutti coloro che lo chiederanno da tutta la Regione e non solo.

“Abbiamo scelto di aprire la Rocca dei Borgia anche attraverso le cerimonie – ha spiegato il sindaco Sandro Sborgia – dal momento che la sua straordinaria bellezza sembra essere la cornice ideale per eventi importanti e celebrativi: si tratta davvero di un posto magico dove la terra sembra quasi incontrare il cielo. Va promosso e la sua fruizione va incentivata. Un panorama meraviglioso a 360 gradi sui monti Sibillini e le valli che circondano Camerino, uniti a un’atmosfera unica e indimenticabile – prosegue il sindaco Sborgia – Si respirano storia e bellezza al contempo. Per questo abbiamo deciso, insieme alla Giunta, di aprire questo nostro gioiello a coloro che lo sceglieranno per celebrare un momento importante della propria vita. Accadrà per la prima volta e siamo certi che la cittadinanza potrà accogliere con gioia questa decisione perché mostra una delle tante meraviglie che abbiamo a disposizione”. Il provvedimento si inserisce nel quadro di sostegno e incentivazione alla ripartenza del tessuto economico imprenditoriale attraverso la valorizzazione dell’imponente patrimonio storico-artistico-monumentale che il nostro territorio custodisce e che da oggi diventa anche opportunità di crescita culturale ed economica.

Una novità che si va ad aggiungere alla riapertura del bar annunciata nelle scorse settimane.

Nei giorni scorsi il sindaco Sandro Sborgia insieme all’ufficio tecnico ha effettuato un sopralluogo all’interno dell’edificio e ha verificato la sua fruibilità. A breve si provvederà alla  pubblicazione del bando per l’affitto del locale che potrà tornare a ospitare il bar nei giardini.

Il 27 e 28 giugno, intanto, sarà la sede del Premio internazionale Massimo Urbani.



Loading...