Home Economia

Legambiente Presenta il Dossier “Neve Diversa 2022”

0
CONDIVIDI
legambiente

Legambiente Presenta il Dossier “Neve Diversa 2022”. Il dossier analizza anche la situazione nelle Marche.

La mappatura dei 150 progetti di infrastrutturazione localizzati in aree di grande pregio naturalistico, come i siti protetti da Rete Natura 2000, istituita dall’Unione Europea per la protezione e la conservazione degli habitat e delle specie, o comunque non idonee alla pratica sciistica; l’elenco aggiornato dei 234 impianti sciistici dismessi in cui giocherebbero un ruolo importante, per il riuso e lo smantellamento, i fondi del PNRR e quello delle 135 strutture dal futuro incerto per mancanza di neve, problemi economici e/o gestionali o per fine vita tecnica; la lista dei 149 impianti che restano aperti grazie ai cosiddetti “accanimenti terapeutici”, cioè che sopravvivono con forti iniezioni di denaro pubblico. Ma anche, fortunatamente, il “rovescio della medaglia” con la cartina delle 10 buone pratiche che dimostrano l’esplorazione delle nuove possibilità di fare turismo montano in Italia. Questi tra i contenuti del dossier di Legambiente “Nevediversa 2022 – Il turismo invernale nell’era dei cambiamenti climatici, tra esperimenti di transizione ecologica, buone pratiche e accanimenti terapeutici”, pubblicato nella Giornata nazionale del Paesaggio. Proprio la protezione del paesaggio naturale è il filo conduttore del report, che offre una panoramica a trecentosessanta gradi delle Alpi e degli Appennini, sulle tendenze future dello sviluppo in quota e sulle sfide imposte dal cambiamento climatico. Come dimostra l’inverno 2021/2022, estremamente mite e siccitoso, nell’arco alpino e su parte degli appennini.

E nelle Marche una valanga di finanziamenti per la neve che non c’è

Il focus marchigiano analizza come le opportunità di ripresa, concesse da risorse pubbliche stanziate dal Contratto Istituzionale di sviluppo e dal Fondo Complementare Aree Sisma, siano eccessivamente incentrate sull’economia delle neve, nell’era dei cambiamenti climatici, con nevicate sempre più rare e sempre a quote maggiori.

“Nonostante una neve sempre più rara a causa del cambiamento climatico in corso, le nostre montagne stanno per ricevere una valanga di finanziamenti su progetti con al centro la neve – dichiara Marco Ciarulli,  Presidente di Legambiente Marche –. Dopo la passata scelta anacronistica della Regione Marche di finanziare impianti sciistici sul Monte Catria con un progetto da 3,5 milioni, oggi sta arrivando una quantità estremamente generosa di risorse pubbliche attraverso i fondi del CIS (Contratto Istituzionale di Sviluppo) e del PNRR (con il Fondo Complementare Aree Sisma)per un totale di 65.292.000 € . Precisamente dal CIS le stazioni sciistiche riceveranno 34.488.000€, pari al 34,7% del totale delle risorse stanziate, mentre dal Fondo complementare Aree Sisma, attraverso la Misura A3.3 arriveranno 30.804.000 € per questi impianti, pari al 61% del totale delle risorse messe in campo dalla Misura A3.3 dello stesso fondo”.

L’associazione sottolinea inoltre, come la dimensione di tali progetti ipotechi anche le risorse che del prossimo futuro, come nel caso del progetto di Sarnano, che dal CIS riceverà oltre 29 milioni di euro e che da solo rappresenta il 29,7% dell’intero CIS Marche. Un finanziamento tanto consistente quanto parziale visto che il costo complessivo del progetto ammonta a 101.597.230, e che quindi sarà necessario reperire altri ben 72.109.230 di finanziamenti pubblici dal momento che appare molto improbabile un investimento privato così impegnativo.

“Data la straordinaria e forse unica opportunità che abbiamo per rilanciare le nostre aree interne, ci preoccupa la sproporzione della rilevanza degli investimenti in favore di impianti rispetto alla loro reale capacità di generare economia – conclude Ciarulli – L’economia delle neve, non ha più una centralità, nè ambientale, né climatica, né economica, eppure è al centro degli investimenti, ed è talmente tanto condizionante che ogni ipotesi di riqualificazione di questi territori, passa esclusivamente attraverso gli impianti di risalita. Incomprensibile quindi economicamente, ma comprensibile politicamente che si facciano interventi in supporto dell’esistente, per tenere in piedi un sistema già abbastanza fragile, ma poco sensato un investimento dove si comincia praticamente da zero.”

Gli investimenti nel dettaglio:

A)      CIS SISMA totale 159.932.000

CIS SISMA REGIONE MARCHE 99.132.000

Comune di Sarnano, comuni coinvolti Montefortino e Ascoli Piceno 29.488.000 (pari al 32% dell’intero CIS Marche)

Ambito: Cultura e Turismo

Sistema integrato per lo sviluppo dell’entroterra Riqualificazione e ampliamento dei sistemi connessi agli sport invernali ed estivi (impianti di risalita, riqualificazione e sviluppo dell’offerta ricettiva, digitalizzazione e servizi innovativi del museo diffuso culturale, riqualificazione dei rifugi e dei casali con valorizzazione della gola dell’Infernaccio, riqualificazione del Borgo di Rubbia-no…)

29.488.000 a valere sul CIS, previsti 101.597.230 (quindi in attesa di stanzia-mento di altri 72.109.230)

Consorzio turistico Comprensorio Monte Gemelli, comuni di Ascoli Pi-ceno e Teramo

Ambito: Trasporti e mobilità

Realizzazione di opere di valorizzazione del comprensorio sciistico dei Monti Gemelli attraverso la realizzazione di un nuovo impianto di risalita e di un sistema di innevamento programmato. Ricostruzione del collegamento funiviario tra l’area di San Giacomo in Ascoli Piceno con Monte Piselli. Realizzazione di un sistema di innevamento programmato con bacino idrico di accumulo.

5.000.000 a valere sul CIS, previsti 22.000.000 (quindi in attesa di stanziamento di altri 17.000.000)

Totale assegnato 34.488.000 (38,44% del totale CIS Marche)

Ulteriori risorse da recuperare 72.109.230 + 17.000.000 = 89.109.23 pari all’intero importo del CIS Marche

 

B)      FONDO COMPLEMENTARE AREE SISMA 2009/2016

Misura A3.3 A) Realizzazione, implementazione e consolidamento di percorsi e cammini culturali, tematici e storici; B) Avvio della rifunzionalizzazione delle Soluzio-ni Abitative di Emergenza (SAE); C) Ammodernamento e la messa in sicurezza di impianti sportivi, ricreativi e di risalita;

Su 116.771.985,66 complessivi per i Crateri 2009 e 2006 alle Marche sono an-dati 50.619.000,00 di cui destinati agli impianti di risalita 28.804.000+ 2.000.000 (Riserva Impianto di risalita Monte Gemelli) pari al 61%

– Bolognola Impianti di risalita – sviluppo turistico ricettivo e valorizzazione dei luo-ghi – Intervento 1 – Realizzazione seggiovia 2.000.000,00

– Bolognola Impianti di risalita – sviluppo turistico ricettivo e valorizzazione dei luoghi – Intervento 2 – Realizzazioni locali a servizio degli impianti scioviari 2.200.000,00

– Bolognola Impianti di risalita – sviluppo turistico ricettivo e valorizzazione dei luo-ghi – Intervento 3 – Realizzazione laghetto accumulo 1.000.000,00

– Bolognola Impianti di risalita – sviluppo turistico ricettivo e valorizzazione dei luo-ghi – Intervento 4 – Realizzazione illuminazione pubblica piste da sci 200.000,00

– Bolognola Impianti di risalita – sviluppo turistico ricettivo e valorizzazione dei luo-ghi – Intervento 5 – Realizzazione parcheggio accoglienza turisti 200.000,00

– Sarnano Impianti di risalita – Sistema integrato per lo sviluppo dell’entroterra 6.125.000,00

– Ussita Impianto di risalita – Ricostruzione seggiovia 11.479.000,00

– Castelsantangelo sul Nera Impianti di risalita – Comprensorio sciistico Monte Prata 5.600.000,00

www.legambiente.it

Loading...