Home Sport

Mauro Berruto alla Mole parla di “Allenare, allenarsi, guardare altrove”

0
CONDIVIDI
Mauro Berruto
Berruto alla Mole

L’ex Ct della nazionale di Volley Mauro Berruto sarà alla Mole Vanvitelliana di Ancona venerdì 1 aprile 2022, per un evento organizzato dall’Accademia Volley Ancona con il patrocinio del Comune di Ancona. L’appuntamento, aperto a tutti con ingresso gratuito, è in programma alle 17,30 all’Auditorium della Mole.

L’evento è stato presentato questa mattina in Comune con una conferenza stampa alla quale hanno preso parte l’assessore allo sport Andrea Guidotti, Mario Lanari, presidente dell’Accademia Volley Ancona, Fabio Luna presidente CONI Marche, Francesco Leoni, presidente provinciale FIPAV, Roberto Leonardi direttore sportivo ed Emanuele Lodolini responsabile relazioni esterne dell’Accademia Volley Ancona. Anche Mauro Berruto ha poi portato il proprio saluto “in differita”, con un video messaggio registrato e trasmesso durante la conferenza.

Nel corso dell’incontro del 1 aprile Berruto si soffermerà sul tema “Allenare, allenarsi, guardare altrove”, che prende spunto dal suo libro “Capolavori”. “Quando si parla di capolavori – si legge nella presentazione al volume – il primo pensiero va all’arte: pittura, scultura, architettura, cinema, musica o letteratura, ma difficilmente pensiamo allo sport. Non è così per Mauro Berruto, allenatore della nazionale italiana di pallavolo che ha vinto il bronzo ai Giochi Olimpici di Londra nel 2012. In queste pagine Diego Armando Maradona palleggia con Michelangelo, Jury Chechi sfida Yves Klein, Muhammad Ali e Kostantinos Kavafis recitano insieme poesie, perché atleti, artisti e poeti fanno parte della stessa squadra: uno spazio in cui ogni individuo può esprimere il proprio talento e costruire il proprio personale capolavoro. A metà fra racconto e biografia, Capolavori è una mappa per trasformare il potenziale in eccellenza. Un libro per chi sogna di vincere una medaglia, di dipingere un’opera d’arte, di raggiungere un budget, di conquistare una quota di mercato oppure, semplicemente, di poter dare il meglio di sé in ogni occasione”.

“E’ veramente un piacere – dice l’assessore allo Sport Andrea Guidotti – avere Mauro Berruto ad Ancona. E’ un grande riferimento nel mondo dello sport, ma non solo. Il suo libro “Capolavori” dovrebbe essere conosciuto da ogni sportivo: racconta di pallavolo, di pugilato, di calcio, di altre discipline, ma rimanda chiaramente allo sport più importante in assoluto: la vita, spiegandoci come sia importante essere capaci di trasformare il potenziale in talento e, quindi, in una prestazione, con la volontà di guadagnare i risultati, che non sono mai automatici, facili, dovuti”.

“Vogliamo dare – spiega il presidente dell’Accademia Volley Ancona Mario Lanari – un segnale forte della presenza della nostra società sul territorio, e del nostro operato, alla luce di una pandemia che sta mettendo in difficoltà il settore sportivo. Il nostro obiettivo è quello di rilanciarlo. Mauro Berruto è un personaggio di elevato spessore culturale, un uomo di sport, legato alla pallavolo, ma non solo. Ci auguriamo sia un evento molto partecipato dalla città. È la dimostrazione del nostro impegno e del desiderio di crescita in ambito agonistico e sociale dell’Accademia Volley. Vogliamo realizzare qualcosa di importante per Ancona, è il nostro sogno nel cassetto”.

_______________

Mauro Berruto è nato a Torino nel 1969. E’ laureato in filosofia e nel 1994 ha cominciato a lavorare nella pallavolo. Nel 2001, dopo aver vinto due Coppe Italia nella categoria A2, è stato eletto migliore allenatore della medesima categoria. Nel 2003 entra nello staff della nazionale italiana che consegue numerosi successi, come la vittoria all’Europeo e, nel 2004, la medaglia d’argento ai Giochi Olimpici. Berruto è stato inoltre allenatore della Nazionale Finlandese e in Finlandia ha ottenuto il titolo di Coach of the year 2007.

Dopo aver allenato altri team, nel marzo 2011 ha vinto la sua seconda coppa europea, la Challenge Cup, con il club Lube Banca Marche Macerata.

Nel dicembre 2010 diventa head-coach della nazionale Italiana maschile e direttore tecnico delle nazionali giovanili fino al 2014. In questi anni arrivano numerosi successi, tra cui il bronzo ai giochi olimpici di Londra 2012 e 2 argenti ai campionati europei (Vienna 2011, Copenhagen 2013).

Mauro Berruto si occupa anche di formazione manageriale e partecipa spesso a eventi organizzati da grandi aziende e università affrontando temi come il teambuilding, teamworking, leadership, goal setting. Dal 2016 al 2018 è stato CEO della Scuola Holden di Torino e dal 2018 al 2019 è stato direttore tecnico della nazionale italiana di tiro con l’arco. Berruto è anche autore di libri ed editorialista. Ha scritto, tra l’altro, i romanzi Andiamo a Vera Cruz con quattro acca (2005 Premio CONI per la letteratura sportiva) e Independiente Sporting (2007).

Per l’accesso all’Auditorium saranno effettuati i controlli dettati dalla normativa vigente anti covid-19

Loading...