Home Sport Sport Macerata

PALLAVOLO, A1 M: MACERATA BATTE PIACENZA E CONSOLIDA LA VETTA

0
CONDIVIDI

PALLAVOLO_MACERATAMACERATA 10 NOV. Cucine Lube Banca Marche che dopo il 3-2 in Supercoppa batte per la seconda volta in stagione la Copra Piacenza (stavolta con un netto 3-0: 25-22, 25-20, 25-21), consolida ancor più l’imbattibilità interna che dura dalla stagione 2012/2013 e da stasera, a punteggio pieno, affianca sulla poltrona più alta della classifica Modena (oggi a riposo) e Ravenna, sconfitta domenica scorsa a domicilio.
Con Jiri Kovar titolare nella diagonale di posto 4 insieme a Parodi, i cucinieri hanno mostrato leggeri segni di sofferenza soltanto nel finale del set iniziale, nel quale comunque hanno sempre tenuto il muso davanti: in vantaggio 14-7 grazie alla grande concretezza del servizio (2 ace) e del cambio palla, fase in cui spiccano soprattutto i numeri garantiti in attacco da Kovar (7 punti, 71% sulle schiacciate) e Sabbi (6 punti), i campioni d’Italia si incartano con una serie di errori gratuiti (3 in battuta e 3 in attacco) che riportano gli ospiti in partita, fino al 21-22. Sono Parodi e Sabbi (chiuderà con 14 punti, 62% in attacco) a mantenere il trend del parziale sul binario biancorosso, fino all’errore in attacco di Samuele Papi che scrive il definitivo 25-22 per la Cucine Lube Banca Marche.
Che come sempre utilizza frequentemente il doppio cambio della diagonale (Monopoli-Fei), e si aggiudica il secondo set d’autorità, fuggendo via con un buon turno al servizio di Baranowicz (da 9-8 a 12-8) e vanificando anche con il crescente aiuto dei centrali (100% nei primi tempi per Stankovic, 2 muri per Podrascanin) ogni tentativo fatto da Radici per provare a raddrizzare una ricezione balbettante (solo 32% di positive) e soprattutto l’esito finale, attingendo a piene mani dalla panchina (dentro Alletti al centro, Massari per Papi e Ter Horst per Le Roux). Finisce 25-20, con il quarto muro vincente nel set dei cucinieri, firmato da capitan Podrascanin su Massari.
Lasciato in campo da Piacenza pure nel terzo parziale (così come Alletti), senza però riuscire a invertire la rotta della partita. La padrona assoluta continua infatti ad essere la Cucine Lube Banca Marche, trascinata da un Baranowicz in giornata di grazia e dalla grande voglia di riscattare subito la battuta d’arresto rimediata mercoledì scorso a Istanbul, in Champions League. Henno è strepitoso nel difendere la palla che consentirà a Kovar (MVP all’unanimità, per lui 17 punti, 60% in attacco, 3 muri e 2 ace) di trovare il muro vincente del 13-11, ed il palleggiatore di casa regala sprazzi di classe servendo a Stankovic (un martello in attacco!) i palloni che fissano il 20-17, dunque la fuga verso il 3-0 (25-21) che vale la standing ovation finale, l’ennesima della giornata, stavolta tutta per la formazione campione d’Italia.

Il tabellino
CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA: Fei , Henno (heart), Parodi 6, Paparoni n.e., Stankovic 9, Kovar 17, Sabbi 14, Monopoli, Bonacic n.e., Shumov n.e., Kurek, Baranowicz 3, Podrascanin 7. All. Giuliani.
COPRA PIACENZA: Alletti 4, Marra (L2), Le Roux 8, , Vermiglio 2, Papi 3, Ter Horst 1, Mario Jr. (L1), Massari 3, Zlatanov 13, Ostapenko 2, Tencati, Kohut 5, Rodrigues n.e.. All. Radici.
ARBITRI: Santi (PG) – Pol (TV).
PARZIALI: 25-22 (29’), 25-20 (27’), 25-21 (28’).
NOTE: Spettatori 2020 , incasso 9250 Euro. Lube bs 17, ace 4, muri 7, errori 5, ricezione 51% (27% prf), attacco 58%. Piacenza bs 10, ace 3, muri 2, errori 9, ricezione 48% (38% prf), attacco 43%.



Loading...