Home Cronaca Cronaca Italia

Rave party nel Viterbese arrivato al quinto giorno

0
CONDIVIDI
Rave party nel Viterbese arrivato al quinto giorno
Rave party nel Viterbese arrivato al quinto giorno

È arrivato al quinto giorno consecutivo il rave party organizzato tra il Lazio e la Toscana nel Viterbese.

L’evento non autorizzato ha richiamato giovani da tutta Europa, sembra 8.000 che sono giunti con ogni mezzo, auto, moto, camper e si sta svolgendo nelle campagne di Valentano dalla notte fra il 13 e il 14 agosto a suon di musica hard core.

Le forze dell’ordine stanno monitorando da giorni la zona a ridosso del terreno per impedire nuovi accessi, mentre ele persone in uscita vengono controllate.

Le forze di polizia, spiegano dal Viminale, “nella consapevolezza anche delle gravi preoccupazioni delle comunità locali, stanno lavorando con grande senso di responsabilità ed equilibrio per ripristinare la legalità nel più breve tempo possibile. E’ necessario lasciar operare le autorità provinciali di pubblica di sicurezza secondo la loro specifica competenza tecnica, professionalità ed esperienza”.

E nel mentre l’assessore della Regione Lazio alla Sanità, Alessio D’Amato, in merito al rave in corso a Mezzano nel viterbese parla di “situazione fuori controllo, nessuna trattativa è possibile. Va ripristinato il corretto ordine pubblico, identificate le persone e individuate le responsabilità di un simile assembramento”, la festa continua di 5 giorni ed aumentano le polemiche.

C’è infatti chi protesta per la misura di chiusura delle discoteche, mentre tale “festa illegale avviene, senza che ci sia la possibilità di bloccarla” ed ancora “Un settore (quello delle discoteche) muore e si fanno feste private in barba alle normative anti covid, green pass, con ubriachi, drogati e morti…”

A tale proposito la Procura di Viterbo ha aperto un fascicolo di indagine in relazione alla morte di un ragazzo di 25 anni avvenuta al rave.

Nel fascicolo si procede per morte come conseguenza di altro reato.

Il corpo del giovane è stato trovato nelle acque del Mezzano, dove il ragazzo era stato visto immergersi.

I magistrati sono in attesa dei risultati dell’autopsia disposta per accertare le cause del decesso.

Loading...