Home Spettacolo

Torna alla Rocca di Gradara il premio “Gradara Ludens”

0
CONDIVIDI
Gradara
Borgo di Gradara

Gradara – Questo 30 settembre torna, nella suggestiva cornice della Rocca di Gradara, il premio “Gradara Ludens”, il riconoscimento più importante assegnato in Italia a chi ha fatto del gioco la propria professione o parte importante della propria arte.

I PREMIATI DI QUEST’ANNO:

Bruno Tognolini, grande giocoliere di parole e filastrocchiere

Andrea Angiolino, ludologo e autore di giochi

Alle due tradizionali assegnazioni, ludica e “extraludica”, in questa edizione si aggiunge un riconoscimento a chi ha saputo investire sul rapporto tra gioco e territorio, in particolare a Andrea Dresseno, come presidente e rappresentante dell’associazione culturale “IVIPRO – Italian Videogame Program”.

Come è stato fino al 2003, saranno i premiati a spiegare personalmente le motivazioni che, secondo loro, hanno portato a questa assegnazione.

LA STORIA DEL PREMIO

Assegnato per la prima volta nel 1992 ad Alex Randolph, il premio Gradara Ludens è stato conferito, in ordine cronologico a: Gianpaolo Dossena, Gherardo Ortalli – Fondazione Benetton, Umberto Eco, Stefano Bartezzaghi, Alessandro Bergonzoni, Moni Ovadia, Edoardo Sanguineti, David Riondino, Ennio Peres, OpLePo, Predrag Matvejevic, Samuele Bersani, Claudio Magris, Michele Serra, Armando Borelli, Simona Marchini, Gianni Mura ed Enrico Vaime.

I siti dei premiati 2022:
www.tognolini.online
www.angiolino.info

Home

30 SETTEMBRE, L’ULTIMA GIORNATA DEL SETTEMBRE LUDICO

La giornata gradarese del 30 settembre sarà interamente dedicata al gioco. Alle 12 si terrà infatti una assemblea a porte aperte di GioNa, l’“Associazione Nazionale delle Città in Gioco”, cui seguirà, alle 16, una tavola rotonda su “Gioco e Memoria” in onore di Ennio Peres (interverranno: Federico Berti, Andrea Dresseno, Laura Guidi, Marco Peres, Marina Santinelli, Susanna Serafini, Beniamino Sidoti, Anna Maria Venera). Alle 20 si terrà la cerimonia di premiazione, cui seguirà, alle 21,30 nel teatro comunale, “Il filo dei ricordi”, spettacolo di e con Marcogiulio Magnani e Corinne Catalano.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Loading...