Home Economia Economia Ancona

Turismo 2020 nelle Marche tra borghi e tradizioni

0
CONDIVIDI

A Ferragosto e nei giorni del picco turistico estivo i vacanzieri che si sono recati nelle nostre zone hanno puntato sui borghi, oltre che sulle spiagge. E su una miscela fatta di quiete, passeggiate all’aria aperta, eccellenze enogastronomiche, artigianato di qualità, nuove esperienze, tesori d’arte sconosciuti, anche per dimenticare, per quanto possibile, il coronavirus e tutti i problemi che ha portato.

 

Proprio attraverso i borghi potrebbe trovare conferma una nuova filosofia di vacanza che si sta facendo strada da anni e che la CNA ha da sempre spronato con iniziative rivolte alle imprese e tese ad aggregare, condividere e diversificare l’offerta turistica, che passa per la promozione e diffusione di circuiti turistici integrati tra più settori e territori, rendendoli appetibili anche in autunno inoltrato.

 

Dei quasi 6.000 i borghi italiani con appeal turistico, che lo scorso anno hanno registrato oltre 20 milioni di arrivi e 90 milioni di presenze e di cui il quotidiano di qualità “The Guardian” ha dedicato toni entusiastici e suggerimenti proprio all’Italia dei borghi, molti di essi si trovano proprio nella nostra provincia, con riconoscimenti vari, da Corinaldo a Offagna, passando per la Vallesina e i castelli arceviesi. Ad essi si abbina la componente artistica ed artigianale, architettonica, culturale, commerciale ed in particolare enogastronomica.

 

L’Italia infatti è il Paese europeo con più prodotti garantiti: 304 specialità alimentari e 524 vini, dati in continua crescita. Anche nella nostra regione infatti ci sono oltre 40 denominazioni di qualità, partecipiamo a pieno titolo ai “distretti del cibo” ed abbiamo un’offerta unica e irreplicabile di autentiche bontà culinarie per i vacanzieri che destineranno anche quest’anno poco meno del 40 per cento del loro bilancio familiare e personale all’acquisto di prodotti alimentari e manufatti artigiani.

 

E le Marche sono in prima fila in questo contesto unico. Il riconoscimento conferito dalla prestigiosa Lonley Planet quale #2 Best in Travel 2020 è una prova tangibile delle potenzialità del turismo marchigiano, fatto in primo luogo di esperienze uniche.

 

Infine il dopo-lockdown ha rappresentato un’occasione per rivitalizzare il turismo esperienziale, vale a dire la ricerca di esperienze creative, innovative e partecipative, grazie all’esplosione di manualità emersa nei mesi del “confinamento”.

 

La produzione del pane, la fabbricazione di prodotti in legno e ceramica, il desiderio di vivere l’ambiente rurale, collaborando ad attività di coltivazione, allevamento e trasformazione, si stanno affermando come ricercate occasioni non alternative, ma complementari e quindi a completamento della vacanza tradizionale balneare, che comunque la fa da padrona e resta un punto irrinunciabile anche dalle nostre parti.

 

Quindi, secondo la CNA, di fronte a questo scenario che apre spiragli alla speranza, la condizione necessaria per irrobustire tale fenomeno è quello di creare un fronte comune tra pubblico e privato per spingere una forte, incisiva ed integrata attività comunicativa verso i turisti italiani e potenziali vacanzieri europei, puntando sui giovani che possono diventare “testimonial” eccezionali attraverso i “social”, a cominciare da Instagram.

 

Bisogna mettere in campo un progetto di ampio respiro che si avvalga del valore aggiunto di tour operator, agenzie di viaggio, guide specializzate, ovvero soggetti in grado di dare risalto alle bellezze e alle specialità locali stimolando la nascita di percorsi di gusto, saperi, tradizioni sostenibili e attenti all’ambiente.

 

E questi temi devono essere al centro del dibattitto politico e futuro della nostra Regione. Con questo spirito e con questo obiettivo CNA ha organizzato per il prossimo 1 settembre presso il teatro “Bastione Sangallo” di Loreto un confronto sul tema del Turismo quale risorsa economica delle Marche. Un incontro che si inserisce nel filone “Territori di ripartenza”, attraverso cui CNA Territoriale di Ancona accende specifiche riflessioni con i candidati alle elezioni regionali.

 

Nell’appuntamento del 1 settembre, ospiti saranno Angelo Pittro, Direttore Lonley Planet per l’Italia, Maurizio Mangialardi, Candidato per il centro sinistra alle elezioni regionali 2020, Moreno Pieroni, Assessore uscente al turismo della Regione Marche e Cristiano Tomei, Coordinatore nazionale Turismo CNA.



Loading...