Home Cronaca Cronaca Ancona

Ancona, ancora un ammonimento del Questore per violenza domestica

Due stranieri pericolosi condotti al CPR
La Questura di Ancona

Ancora un Ammonimento per “Violenza domestica”, emesso dal Questore Capocasa, è stato notificato in queste ore, nei confronti di un cittadino extracomunitario, originario della Costa d’Avorio.

L’ivoriano si è reso responsabile di condotte ascrivibili ai reati di maltrattamenti e violenza domestica nei confronti della compagna.

Il provvedimento si è reso necessario in quanto l’uomo, di circa 40 anni anni, ha posto in essere, episodi di violenza fisica e psicologica, nei riguardi della parte offesa, sua convivente, una donna coetanea e della stessa nazionalità dell’Ammonito.

La Donna di fronte all’ultimo litigio, avvenuto di recente, ha chiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, si è fatta refertare al P.S. e ha formalizzato richiesta di Ammonimento al Questore.

Al termine dell’attività istruttoria, il Questore di Ancona ha emesso il provvedimento dell’ Ammonimento  ex art. 3  del Decreto Legge 14 agosto 2013 n.93, intimando al soggetto di interrompere ogni condotta lesiva nei riguardi della parte lesa.

La misura di prevenzione nota come “Ammonimento del Questore” costituisce un efficace deterrente volto a contrastare il fenomeno della violenza domestica, per evitare che degeneri in condotte estreme, sia di tipo fisico che di tipo psicologico, a volte con esiti drammatici, come desumibile dalla cronaca quotidiana.

Rammentiamo che per azionare questo tipo di tutela la segnalazione non deve necessariamente provenire dalla vittima del reato, ma chiunque sia a conoscenza di situazioni di questa gravità, può  segnalare alle Forze dell’Ordine i maltrattamenti subiti dalla vittima, per scongiurare eventi lesivi, un amico, un parente, un vicino.  Dall’inizio dell’anno 2023 sono già 25 gli Ammonimenti istruiti dalla Polizia Anticrimine,  per combattere condotte di stalking e maltrattamenti in famiglia, per i quali non si segnalano recidive.

Ricordiamo inoltre che grazie alla stipula del c.d. “Protocollo ZEUS”, firmato dal Questore Capocasa con i Servizi territoriali competenti è possibile accedere a percorsi di recupero gratuiti, per gli uomini maltrattanti, gestiti dall’Associazione POLO9.

Il Questore di Ancona: “La Polizia di Stato, da sempre vicina alle Donne con la campagna dipartimentale ‘Questo non è amore’, ricorda che è possibile rompere la catena dei soprusi, della limitazione della libertà individuale, della sopraffazione psicologica, semplicemente chiedendo aiuto. Grazie a personale formato e competente è possibile attuare gli strumenti più efficaci e tempestivi per proteggere le vittime vulnerabili, ed assicurare loro un luogo sicuro ed una tutela reale. Non chiamiamolo Amore e aiutiamo le Donne a difendersi”.