Home Spettacolo

‘Artifici Sonori’ per i 20 anni di riapertura del Teatrino Campana

0
CONDIVIDI
Frida Neri

Esattamente vent’anni fa, nel 2002, dopo anni di abbandono, riapriva il settecentesco Teatrino Campana, progettato da Andrea Vici, grazie agli ingenti lavori di ristrutturazione voluti dall’Istituto Campana per l’Istruzione Permanente per restituirlo alla fruizione pubblica.

Per celebrare la riapertura e l’intensa attività culturale svolta in questo ventennio, l’Istituto Campana promuove la rassegna Artifici Sonori, un viaggio attraverso mondi musicali diversi, dalla lirica al jazz, dalla musica elettroacustica a quella etnica, con una funzione non solo di intrattenimento, ma anche educativa nei confronti dello spettatore.
Si tratta di una proposta in grado di richiamare un pubblico curioso e non omologato, capace di un approccio alla musica che superi la logica della grande produzione a favore di realtà di grande livello e particolarmente ricercate.

Si inaugura venerdì 11 marzo alle ore 21.15 con il concerto dei Solisti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo e il pianista Alessandro Benigni dal titolo “Donne, eterni dei!”. Un concerto “in rosa”, nel mese dedicato alla donna, tra i personaggi femminili delle grandi pagine d’opera del passato. Un ricco programma che parte nel Settecento con Gluck con Orfeo ed Euridice passando per Mozart – Le Nozze di Figaro e Don Giovanni – entrare nell’Ottocento insieme a Rossini, con arie tratte da La cambiale di matrimonio, L’Italiana in Algeri, La scala di seta e La Cenerentola, e Donizetti con Don Pasquale, per giungere alla fine del secolo con Werhter ed Hèrodiade di Massenet, La Bohème e La Rondine di Puccini, e chiudere con La vedova allegra di Lèhar.
Provengono da sette nazioni – Cina, Georgia, Giappone, Israele, Kazakhstan, Russia, Ucraina – i giovani allievi della storica istituzione osimana: sono i soprani Julia Eliashov, Nino Gotoshia, Khatia Jikidze, Laura Kulekesheva, Yuki Mizuno, Kazuko Sagara, Svitlana Sikorska, Maria Smirnova, Audelia Zagoury, il mezzosoprano Tamari Kirakosova, il tenore Quan Zhou e il baritono Johnny Bombino.

Proseguiremo venerdì 25 marzo con il concerto jazz di 𝐀𝐧𝐝𝐫𝐞𝐚 𝐏𝐚𝐠𝐚𝐧𝐢, uno dei migliori pianisti e compositori italiani del settore. Il 22 aprile sarà la volta di “𝐒𝐚𝐜𝐫𝐚𝐥𝐞”, concerto elettroacustico di 𝐌𝐚𝐫𝐜𝐨 𝐅𝐚𝐠𝐨𝐭𝐭𝐢 in duo con il sassofonista 𝐆𝐢𝐨𝐯𝐚𝐧𝐧𝐢 𝐅𝐞𝐫𝐫𝐢.

Il 13 maggio chiuderà la rassegna 𝐅𝐫𝐢𝐝𝐚 𝐍𝐞𝐫𝐢 in duo il bassista 𝐅𝐢𝐥𝐢𝐩𝐩𝐨 𝐌𝐚𝐜𝐜𝐡𝐢𝐚𝐫𝐞𝐥𝐥𝐢 in una performance di suoni, testi e melodie arcaiche e tradizioni potenti, dal sud Italia al Portogallo, attraversando Grecia e Balcani.

L’ingresso è gratuito.
Prenotazione consigliata al link http://campana.eventbrite.com/.
Obbligo di Super Green Pass e mascherina Ffp2.

Loading...