Home Cronaca Cronaca Ancona

MACROREGIONE ADRIATICO-IONICA, SARA’ ANCONA AD OSPITARE LA PRIMA RIUNIONE DEL GOVERNING BOARD

0
CONDIVIDI
Macroregione Adriatico Ionica

adrion_macroregioneANCONA 21 GEN. La città di Ancona ospiterà la prima riunione del “Governing Board”, l’organismo che sovrintende alla realizzazione della Strategia della Macroregione adriatico ionica (Eusair). Nel pomeriggio di giovedì 22 e nella mattinata di venerdì 23 gennaio i componenti internazionali si riuniranno presso l’Hotel Seeport del capoluogo per avviare i lavori in programma. “La Regione Marche continua a svolgere un ruolo determinante nella costruzione e nella realizzazione della Strategia macroregionale adriatico ionica – commenta il presidente Gian Mario Spacca – La scelta di Ancona rappresenta un riconoscimento dell’impegno della comunità marchigiana nella realizzazione di un’Europa che sappia vedere oltre i propri confini geografici, per abbracciare aspirazione e capacità di tutti i popoli che guardano al Continente per programmare una crescita fondata sull’inclusione, sulle culture e sulle potenzialità che ogni Paese sa mettere in gioco. Un progetto ambizioso che, anni fa, ha mosso i primi passi proprio ad Ancona, ora protagonista di un’altra significativa tappa del percorso della Macroregione”. “La presenza del Segretariato dei governi nel capoluogo delle Marche è destinata a rafforzarsi, in vista del ruolo che esso sarà chiamato a svolgere quale cinghia di trasmissione tra il meccanismo di governance che è stato deciso dal Consiglio europeo di ottobre e le rappresentanze della società civile dell’intero bacino adriatico-ionico che proprio, ad Ancona, mantengono i loro luoghi di raccordo: mi riferisco in particolare alle Camere di commercio, alle Università e all’associazione delle Città adriatico ioniche – commenta l’ambasciatore Fabio Pigliapoco alla guida del Segretariato intergovernativo dell’Iniziativa adriatico ionica – Si apre quindi una fase nuova e ancora più impegnativa: sono certo che anche, e soprattutto, in questa fase che si apre in questi giorni, non sarà fatto mancare al Segretariato permanente il convinto appoggio e la sincera collaborazione da parte di tutti, di cui ha potuto godere sino a oggi”. In occasione della Conferenza di lancio della Strategia Eusair, il 18 novembre scorso a Bruxelles, i ministri degli Esteri degli otto Stati partner della Strategia hanno adottato un documento riguardante il sistema di Governance multilivello di cui il “Governing Board” costituisce il livello politico-istituzionale. La Commissione europea, in collaborazione con il Segretariato generale per l’iniziativa adriatico ionica, ha deciso di realizzare il primo incontro nel capoluogo regionale. Il “Governing Board” è composto dai rappresentanti nazionali (due per ogni Stato partecipante, in rappresentanza dei ministeri Affari Esteri e del coordinamento dei fondi europei), dai quattro coordinatori dei pilastri tematici attraverso i quali si sviluppa la strategia, dai rappresentanti della Commissione europea, del Segretariato permanente dell’iniziativa adriatico ionica (che ha sede proprio ad Ancona), dal rappresentante dell’Intergruppo adriatico ionico del Comitato delle regioni, di quello del Comitato europeo economico sociale e dell’Autorità del programma transnazionale Adrion, oltre dall’autorità slovena responsabile della strategia Eusair. La presidenza del “board” viene cogestita dal Paese presidente protempore  dell’Iniziativa adriatico ionica, attualmente ricoperta dalla Bosnia Erzegovina. Insieme a questo organismo di indirizzo, l’attuazione della Strategia macroregionale adriatico ionica poggia su un livello tecnico (gruppi tematici) e uno territoriale (aperto alla società civile). Nell’incontro di Ancona dei prossimi giorni, verranno definite le modalità operative e gli indirizzi per i quattro gruppi tematici (crescita blu, connettere la Regione, qualità ambientale, turismo sostenibile) e si stabilirà un punto di riferimento con l’autorità di gestione del Programma Adrion (Cooperazione transazionale per l’area adriatico ionica 2014-2020).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here