Home Cronaca Cronaca Ancona

Ancona, il Questore emette il 56° DASPO Urbano del 2023

Due stranieri pericolosi condotti al CPR
La Questura di Ancona

Ancora un Divieto di Accesso alle Aree Urbane emesso dal Questore di Ancona, dr. Cesare Capocasa, a seguito di istruttoria della Divisione Anticrimine.

Il provvedimento, che andrà notificato in queste ore sia al minore che all’esercente la responsabilità genitoriale, va a colpire un giovane diciassettenne, già noto alle forze dell’ordine, in quanto resosi responsabile di rapina e altri comportamenti antisociali e pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, nonché da ultimo, individuato grazie alle immagini di un autobus di una linea extraurbana diretta al Centro città, quale l’autore del porto d’armi di un coltello e di danneggiamento aggravato sul veicolo destinato al trasporto pubblico.

La vicenda, resa nota anche dalle cronache giornalistiche, ha visto personale della Questura Dorica impegnato a ricostruire le condotte, ad individuare i responsabili, che verranno deferiti all’Autorità competente.

A seguito dell’attività svolta il Questore di Ancona, valutata la condotta del giovane, i suoi precedenti specifici, ha ritenuto di emettere nei riguardi del medesimo a misura del D.Ac.Ur, inibendo al ragazzo di accedere, per un anno, ai locali e agli esercizi pubblici presenti nella zona di Corso Garibaldi, Corso Mazzini, Corso Stamira, piazza Cavour, Piazza Roma, piazza Kennedy, con divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi.

Ricordiamo che il provvedimento rientra tra gli strumenti previsti dall’attuale Governo e dal legislatore per contrastare il disagio giovanile e la criminalità minorile.

Si ritiene infatti rappresenti la misura più idonea a frenare i comportamenti pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, che avvengono nei centri cittadini.

Non a caso il Questore di Ancona ha emesso nel corrente anno ben 56 provvedimenti, colpendo inesorabilmente con la misura di prevenzione tutti i soggetti che si sono resi responsabili di condotte violente in ambito cittadino, i quali sono stati individuati e anche denunciati all’A.G. competente.