Home Economia

Legacoop Marche, Alleruzzo: le cooperative insieme per affrontare la crisi economica

0
CONDIVIDI
Legacoop Marche
Assemblea Legacoop Marche

Un confronto sulle conseguenze della crisi economica in corso, con un approfondimento da parte di esperti di Legacoop, e un “manuale d’uso” degli strumenti finanziari per le cooperative distribuito agli oltre 170 delegati che hanno partecipato all’assemblea regionale di Legacoop Marche, che si è svolta all’hotel Monteconero di Sirolo, in rappresentanza delle oltre 300 cooperative aderenti, in rappresentanza di un sistema che opera dal welfare al manifatturiero, dai servizi all’agroalimentare fino alla grande distribuzione organizzata, con più di 244 mila soci, 13 mila occupati e un fatturato di circa 1,7 miliardi di euro.

“Abbiamo organizzato questo appuntamento per discutere collettivamente dei gravi fattori che le nostre cooperative stanno affrontando – ha detto Gianfranco Alleruzzo, presidente di Legacoop Marche, che ai presenti ha illustrato la nuova organizzazione dell’associazione -, un periodo di cui purtroppo non vediamo la fine. Ci attrezziamo, quindi, per continuare a realizzare il nostro compito, che è quello di creare lavoro, sviluppo economico e sociale”.

Alcune indicazioni per le cooperative sono emerse dalla tavola rotonda “L’accesso al credito nel tempo delle crisi infinite. Gli strumenti del sistema cooperativo” alla quale hanno preso parte Simone Gamberini, direttore generale CoopFond, Luca Bernareggi, amministratore delegato CFI, Federico Bertani, responsabile del credito CCFS, e Giovanni Bernardini, presidente Confidicoop Marche.

“Il tema centrale per il nostro paese e per le nostre cooperative è quello dell’energia e dei suoi costi – ha detto il presidente di Legacoop nazionale, Mauro Lusetti -. Un fronte che sta causando forti incertezze e sul quale dobbiamo concentrare tutta la nostra capacità di adattamento e di flessibilità, accanto alla richiesta di strumenti di ristoro e sostegno alle imprese. Un’ipotesi potrebbe essere quella di un fondo europeo, come già avvenuto durante la pandemia. C’è necessità di investire nell’autosufficienza energetica che, come cooperazione, abbiamo il dovere di affrontare in termini di sostenibilità ambientale, viste le difficoltà che le comunità affrontano quotidianamente e per le future generazioni”.

L’assemblea regionale dei delegati di Legacoop Marche si è aperta con il ricordo di Fabio Grossetti, direttore dell’associazione e responsabile Legacoopsociali Marche, scomparso all’improvviso a 64 anni lo scorso luglio nella sua Rotella, “un cooperatore, un collega, un uomo Legacoop e un amico per molti di noi – ha detto il presidente Alleruzzo -. Il nostro è stato un omaggio per far sì che Fabio fosse “presente” all’assemblea a cui stava lavorando”. Decine i cooperatori che gli hanno voluto dedicare una parola, un ricordo, un episodio vissuto insieme.

Loading...