Home Cronaca Cronaca Ancona

Corinaldo, il sindaco scrive ai cittadini proprietari di piante sulle strade

0
CONDIVIDI
Corinaldo
Corinaldo
Corinaldo

ANCONA 7 GIU.  Un problema di sicurezza pubblica. Alla luce di un’attenta verifica dello stato di alcune strade comunali e vicinali e nello specifico della presenza ai bordi delle strade di alcune piante, radicate sulle proprietà private ma completamente secche, il primo cittadino di Corinaldo ha deciso di scrivere ai proprietari o conduttori frontisti delle strade comunali e vicinali.
La presenza di piante completamente secche infatti rischia di aggravarsi col tempo e in particolar modo con le avverse condizioni meteo. I rami infatti sporgono pericolosamente spesso sulla carreggiata e creando pericoli per la sicurezza della circolazione stradale e per l’incolumità delle persone.
Il sindaco Matteo Principi quindi, appellandosi al senso civico e alla responsabilità di tutti chiede “di eseguire periodiche e costanti verifiche sullo stato di stabilità dei rami e delle piante radicate lungo le strade, affinché siano evitati pericolo o danni ai veicoli ed alle persone di passaggio”.
Inoltre avverte i cittadini che per le operazioni di potatura e di taglio dei rami o delle piante secche, dovranno attenersi alle norme vigenti in materia, L.R. .6/2005 (legge forestale regionale), in particolare l’art. 21, e del regolamento del verde urbano e delle formazioni vegetali caratterizzanti il paesaggio rurale marchigiano approvato con DGR 603 del 27/7/2015.

 

Una situazione delicata in cui il primo cittadino ricorda che “gravano sui proprietari e/o conduttori dei fondi l’onere di provvedere alla regolare manutenzione degli alberi e dei loro rami, affinché dagli essi non derivino danni a cose e/o persone, che, debbono, eventualmente essere risarciti, fermo restando le possibili più gravi conseguenze penali; che qualora venissero evidenziati casi gravi di immediato pericolo per l’incolumità delle persone, si interverrà con specifico provvedimento urgente, con le inevitabili sanzioni in caso di inottemperanza.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here