Home Cultura Cultura Ascoli Piceno

GIORNATA DELLE MARCHE 2013, IL VALORE DEL CAPITALE UMANO PER CRESCERE

1
CONDIVIDI

giornata_marcheASCOLI PICENO 04 DIC.  “Capitale umano motore di sviluppo economico per la crescita delle Marche” è il tema scelto per l’edizione 2013 della Giornata delle Marche.

Sarà San Benedetto del Tronto, negli spazi del Palariviera, ad ospitare le celebrazioni del 10 dicembre per un’edizione che rappresenta la naturale evoluzione dei temi e dei valori sviluppati con le edizioni degli anni scorsi: i membri di una comunità ne costituiscono il cuore e il suo motore della crescita, per questo ne rappresentano il valore più importante.

“La Giornata sarà, ancora una volta, occasione per dimostrare come la nostra comunità sia una realtà dinamica, coesa e attenta allo sviluppo economico, scientifico, culturale e sociale di tutto il territorio” dichiara il presidente della Regione, Gian Mario Spacca.

 

E’ proprio in questo spirito che il premio Picchio d’oro, quest’anno, viene assegnato alla memoria a Carlo Urbani, il cui grande lavoro di ricerca, portato avanti con perseveranza, dedizione, discrezione e spirito di sacrificio, ha consentito di debellare una gravissima malattia come la Sars e scongiurare il pericolo di una disastrosa pandemia.

“La figura di Carlo Urbani – sottolinea il presidente – simbolizza perfettamente i valori che ispirano la Giornata delle Marche e, in particolare, i contenuti dell’edizione di quest’anno dedicata al Capitale umano per il futuro delle Marche. Un tema che ha ispirato la scelta di assegnare il Picchio d’Oro alla memoria del medico marchigiano di cui, a dieci anni dalla scomparsa, vogliamo ricordare l’amore per il prossimo, la dedizione nei confronti delle persone più deboli negli angoli più remoti del mondo, la generosità e l’umanità. Un esempio per tutti noi, in questi tempi così difficili, come una luce di speranza”.

Il premio, un’opera realizzata da Stefano Gregori in Regione, racchiude simbolicamente i temi di riferimento delle Marche: un picchio stilizzato in ottone dorato su base di marmo nero è come un ideogramma racchiuso in uno spazio circolare a dare la dimensione di apertura alla globalità e all’innovazione della comunità marchigiana forte delle sue tradizioni e aperta al futuro.     

1 COMMENT

  1. Sui social network si legge che l’evento abbia un costo considerevole : si dice oltre 80mila euro. Se fosse vero ritengo che, al di là dei buoni propositi di fondo che animano lo spirito dell’iniziativa, in questo periodo lungo di angosciante crisi economica i cui effetti drammatici sono sotto gli occhi di tutti in cui tutti siamo chiamati a fare spending review sarebbero da evitare manifestazioni auto celebrative! Le risorse scarseggiano, l’imposizione fiscale sta strangolando le famiglie pertanto i politici locali non dovrebbero, con i soldi che incassano a vario titolo (fossero anche sponsor privati…) impiegare le suddette per ragioni ludico/folkloristiche e di dubbia utilità culturale. Ribadisco non è il momento di scialacquare cifre di tale entità quando poi si applicano tagli orizzontali alla sanitá, scuola, viabilità ecc(questi si essenziali in quanto servizi di pubblica utilità). Riflettere su questi semplici aspetti renderebbe il rapporto tra politica e cittadinanza (mai cosí gravemente divergente e disaffezionato) più maturo nella consapevolezza e condivisione delle scelte.
    Ringrazio per l’attenzione di chi ha avuto la pazienza di leggere questa personale riflessione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here