Home Economia Economia Ancona

Patrimonio Immobiliare, Risparmiato 1 Milione Dalla Regione

0
CONDIVIDI
Patrimonio Immobiliare
Patrimonio Immobiliare

ANCONA 5 SET. Obiettivo conseguito: la Regione ha già risparmiato circa un milione di euro con la disdetta dei contratti passivi d’affitto.
Pienamente operativa sulla linea dell’efficientamento e dell’economicità, la Giunta regionale procede con il progetto di valorizzazione e razionalizzazione complessiva del patrimonio immobiliare.
“La Regione intende ottimizzare l’utilizzo di tutto il proprio patrimonio immobiliare, valorizzare le strutture di cui dispone per risparmiare risorse da investire a favore dei servizi ai cittadini. Questa è spending review, un impegno preso e ribadito nel corso dei cinque incontri sul territorio con gli amministratori locali. Tempi stretti risultati importanti, un metodo che trasmette l’idea proprio della cultura del buon governo.
Una nuova politica di bilancio libera dall’approccio ragionieristico volta a liberare risorse e reperirne nuove per rispondere al reale fabbisogno della comunità”, spiegano il presidente Luca Ceriscioli e l’assessore al Bilancio Fabrizio Cesetti.
Dopo una prima ricognizione degli immobili regionali attualmente non utilizzati, i primi risultati concreti: la Regione ha dato la disdetta dell’affitto della sede dell’ASUR che sarà trasferita in via Oberdan ad Ancona già in autunno per un risparmio di 516 mila euro.
Tra alcuni mesi, poi, verrà data la disdetta della sede dell’ASSAM (Agenzia servizi settore agroalimentare delle Marche) che per l’esercizio delle proprie attività di istituto impiega una serie di immobili in locazione. Verrà trasferita da Osimo in locali di proprietà della Regione. Ciò consentirà un ingente risparmio di circa 285 mila euro all’anno.
La razionalizzazione procede con il trasferimento degli uffici decentrati di FABRIANO per cui sono in corso lavori di adeguamento della nuova sede, l’ex vivaio Forestale, per un risparmio di 37 mila euro.
Anche l’ufficio decentrato agricoltura di JESI, attualmente in affitto a 9 mila euro annui, verrà trasferito e situato nell’ex Casello idraulico di Chiaravalle
E’ già stata disdetta la sede della regione a ROMA di via Campo Marzio che comportava oneri per 113 mila euro annui. La nuova sede, in via Parigi (sede della Conferenza Stato Regioni), per cui è stato stabilito un nuovo contratto di affitto di circa 60 mila euro annui, oltre a dimezzare le spese comporta vantaggi anche logistici.
Sono inoltre allo studio il trasferimento presso immobili di proprietà della Regione Marche della sede ARPAM e delle sedi di Passo Varano e Colle Ameno della Protezione Civile, con ulteriore risparmio per fitti passivi di 463 mila euro.
“E’ questa la buona gestione di risorse pubbliche. Il patrimonio offre un ventaglio di opportunità per dare risposte alle necessità della collettività – ha precisato il presidente Ceriscioli – Utilizzare al meglio l’importante patrimonio regionale significa infatti risparmio nell’immediato che si proietta nel futuro”.
“Questo provvedimento, a soli 70 giorni dal mandato – conclude Cesetti – permette di ridurre già del 50 per cento i fitti passivi della Regione, l’obiettivo finale è la dismissione completa e la valorizzazione di tutti gli immobili”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here