Home Cronaca Cronaca Ancona

Rubano furgone a Senigallia: ritrovato in Romania

0
CONDIVIDI

Alcuni giorni addietro, presso il Commissariato di P.S. di Senigallia, si presentava il titolare di un autonoleggio per denunciare che, dopo aver noleggiato un veicolo per trasporto persone e cose, scaduto il termine iniziale del contratto, nonostante una ulteriore proroga concessa, il veicolo non veniva restituito e la persona con cui aveva stipulato il contratto si rendeva irraggiungibile; tra l’altro, senza che quest’ultimo avesse provveduto a pagare per il maggior periodo in cui aveva avuto in uso il veicolo..

Sulla base delle informazioni fornite dal denunciante e dei documenti acquisiti, gli agenti del Commissariato avviavano le indagini che consentivano di accertare l’identità dell’autore del reato che risultava essere un uomo di origini rumene, 45enne, da tempo presente in Italia ma senza fissa dimora. Questi, infatti, dopo aver stipulato il contratto di noleggio e versato una parte della somma pattuita, alla scadenza del termine del contratto, chiedeva la proroga assicurando che avrebbe provveduto al pagamento dell’ulteriore somma. Ma, in realtà, scaduto anche questo termine il soggetto né restituiva il veicolo né tantomeno corrispondeva la somma pattuita.

Le indagini dei poliziotti facevano emergere altresì la responsabilità di un complice, di origini italiane, pluripregiudicato, che aveva collaborato nell’azione che aveva consentito al rumeno poi di appropriarsi del veicolo. I due soggetti venivano, dunque, deferiti all’autorità giudiziaria per i reati di insolvenza fraudolenta ed appropriazione indebita.

Contestualmente gli agenti del Commissariato di P.S. avviavano le ricerche del veicolo su tutto il territorio nazionale ed europeo. Di seguito a tali ulteriori accertamenti, dopo pochi giorni il veicolo veniva rintracciato in una località della Romania, ove veniva fermato e controllato dalla polizia rumena ed alla guida veniva trovato il soggetto che originariamente aveva stipulato il contratto di noleggio.

Il veicolo veniva, dunque, sottoposto a sequestro per la successiva restituzione al legittimo proprietario.



Loading...