Home Cronaca Cronaca Ancona

Scoperto un bazar della droga a Senigallia: un arresto

0
CONDIVIDI

Nel corso di un’articolata attività di polizia giudiziaria, diretta alla repressione dell’illecito mercato della detenzione con finalità di spaccio di sostanze stupefacente, sul territorio senigalliese, gli agenti del Commissariato di P.S. hanno ottenuto un altro importante risultato arrestando un pluripregiudicato locale, M. C. di anni 27, senigalliese, e sequestrando una significativa varietà e quantità di sostanze stupefacenti destinate al consumo in particolare di giovani.

I poliziotti hanno avviato i loro accertamenti sul soggetto, poi arrestato, dopo aver verificato che lo stesso si era posto da tempo quale punto di riferimento per numerosi consumatori della zona con cui veniva notato intrattenersi anche tenendo comportamenti sospetti. Gli agenti dunque hanno deciso di intervenire per verificare se i sospetti circa il ruolo assunto dal soggetto nel mercato dello spaccio corrispondesse a quanto accertato e dunque effettuavano i controlli all’interno dell’abitazione e delle relative pertinenze ove lo stesso abita unitamente ai propri familiari.

Dal controllo gli agenti riuscivano a ricavare assoluta conferma dell’ipotesi investigativa in quanto il giovane veniva trovato in possesso  di numerosi involucri contenenti una varietà di sostanze stupefacenti che vanno dalla cocaina alle morfine e cannabinoidi per un quantitativo di oltre 300 grammi di sostanza stupefacente sequestrata ed un valore sul mercato di oltre 10.000 euro.

Le citate sostanze veniva trovate in diversi ambienti dell’abitazione ed inoltre si accertava il possesso di numerosi strumenti ed oggetti utilizzati per la lavorazione ed il confezionamento.

La situazione accertata consente di ritenere che il soggetto era nelle condizioni di potersi approvvigionare ed offrire una varietà di sostanze sulle base delle preferenze dei consumatori.

Di seguito agli accertamenti gli agenti dichiaravano il giovane in stato di arresto e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, l’uomo veniva ristretto ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.



Loading...