Home Cronaca

DIOCESI DI ASCOLI, GEMELLAGGIO CON NAPOLI

0
CONDIVIDI

preteASCOLI PICENO 4 MAG.Sabato 2 maggio il sogno della parrocchia di San Gennaro di Folignano e della comunità folignanese tutta si è avverato. Il gemellaggio tra la parrocchia e larcidiocesi di Napoli, firmato nel 2001 e alimentato con costanza da Don Carlo Lupi, è stato esteso allintera diocesi di Ascoli Piceno con un atto formale sottoscritto tra larcivescovo di Napoli card. Crescenzio Sepe e il vescovo di Ascoli Mons. Giovanni dErcole, firmato in calce anche dalle autorità civili rappresentate per il comune di Folignano da Rita Cosmi e Chiara Occhionero e per il comune di Ascoli da Luca Cappelli e Simone Matteucci.
Si è trattato di un gemellaggio-pellegrinaggio vissuto con crescente emozione dai circa 60 ascolani presenti, molti di loro coinvolti dallAssociazione SantEmidio nel mondo, accolti con onore nelle sale dellarcidiocesi di Napoli e invitati a ratificare lo storico protocollo con lapposizione delle loro firme su di un foglio che rimarrà conservato agli atti.
Le radici del gemellaggio affondano nella felice intuizione dei parrocchiani di Folignano che nel 2000, anno del grande Giubileo, hanno voluto riscoprire le origini della loro fede, concretamente manifestata nella devozione a San Gennaro, ricercando un legame spirituale e di amicizia con la città che massimamente lo venera, Napoli. La grande città partenopea, forte della sua tradizione di accoglienza e prossimità, non ha esitato a considerare gemella la piccola Folignano e gli scambi si sono succeduti dal 2001 ad oggi senza interruzione. Questa reciproca conoscenza ha portato alla luce il tassello che ha potuto permettere lestensione del gemellaggio allintera diocesi di Ascoli: SantEmidio è uno dei compatroni di Napoli, venerato dal secolo XVIII in poi, quando i napoletani invocarono ed ottennero la sua protezione durante un terribile terremoto. Il suo meraviglioso mezzobusto dargento è conservato nel museo del tesoro di San Gennaro, un patrimonio più ricco di quello della corona d’Inghilterra, che appartiene allintera città.
Il protocollo, redatto con grande cura dallAvv. Sergio Spurio e concordato tra le parti, ricorda le comuni radici spirituali di entrambe le realtà impegnando, tra laltro, le diocesi a favorire la conoscenza spirituale reciproca dei Santi Patroni, a garantire una propria rappresentanza significativa nelle celebrazioni liturgiche annuali del 5 agosto e del 19 settembre nonché laccoglienza di pellegrini e testimonianze religiose.
La giornata napoletana per gli ascolani è poi proseguita con la partecipazione alla tradizionale processione di Maggio (o Processione delle Statue) che dà inizio, ogni primo sabato di maggio, ai festeggiamenti che la città di Napoli tributa al suo santo e che registra puntualmente il prodigio della liquefazione del sangue del martire. Il prodigio si è ripetuto tra le mani del cardinale Sepe e sotto lo sguardo commosso del vescovo dErcole al suo fianco. La processione, che ricorda la traslazione delle ossa di San Gennaro dal Cimitero posto nellAgro Marciano, nel territorio di Fuorigrotta, alle Catacombe di Capodimonte, partita dal Duomo di Napoli è giunta alla Basilica di Santa Chiara per la tradizionale messa. Il vescovo DErcole, nel suo intervento, ha definito se stesso e il cardinale Sepe umili successori di Emidio e Gennaro entrambi giovani, vescovi e martiri vissuti nei primi anni del 300 d.C. invitando le migliaia di fedeli presenti a riflettere sulla bellezza della successione apostolica, vero mistero di fede della Chiesa cattolica. Durante la Messa, inoltre, la presenza della delegazione ascolana è stata più volte ricordata dal cardinale napoletano che si è definito con piacere gemello della nostra diocesi auspicando di visitarla al più presto.
Il protocollo ha rinsaldato i rapporti fin qui instaurati; ci si augura possa costituire una pietra miliare nel percorso di crescita dei legami spirituali, umani e culturali tra i due territori sempre più gemelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here